By Erin Holloway

'Star Trek: Lower Decks' 2.02 Recensione: Kayshon, i suoi occhi aperti

Il nostro verdetto

Questa stagione sta iniziando a sentirsi poco entusiasta nei suoi tentativi di produrre risate o pathos.

Per

  • Buone battute occasionali.
  • È bello rivedere Boimler.

Contro

  • Alcune gag non hanno seguito.
  • L'aggiunta di nuovi personaggi solo per metterli da parte sembra strano.

Questo post contiene spoiler per Star Trek: Lower Decks .
Dai un'occhiata al nostro ultimo
recensione qui.

Per essere una sitcom animata che dura dieci episodi, Star Trek: Lower Decks ha sicuramente preso il suo tempo dolce in questa stagione ristabilire il suo status quo e la sua commedia in buona fede. Kayshon, His Eyes Open sembra un altro episodio che vale la pena di girare che tecnicamente funziona ancora come un po' di avventura di alto livello, ma la commedia non è così stretta come dovrebbe essere, né il lavoro del personaggio sta facendo molto di più che riaffermare quello che già sapevamo. Per la maggior parte, questo secondo episodio sembra accontentarsi di introdurre nuovi elementi che avranno un ruolo in seguito, si spera con un effetto più esilarante o drammatico di quello che abbiamo visto qui.



Boimler (Jack Quaid) è il soggetto della trama B di questo episodio, in cui si ritrova coinvolto nelle battaglie spaziali piene di azione e nelle missioni di trasferta della USS Titan di Riker (Jonathan Frakes). Il costante pericolo della sua vita gli fa capire che si è unito alla Flotta Stellare per l'esplorazione e la scienza, non per l'atteggiamento di alto rischio che la sua promozione comporta, il che serve come una bella riaffermazione di Star Trek basi filosofiche di Certo, questo è minato dalla baldoria dello spettacolo nella sua violenza e caos, ma Ponti inferiori ottiene molto più margine di manovra in questo senso come commedia che ha prosperato sull'autoreferenza. Lo scopo di questa sottotrama è riportare Boimler ai Cerritos, teoricamente meno pericolosi, e fa il suo lavoro, anche se ci si chiede perché questo non fosse un punto della trama prioritario per il primo episodio della stagione.

La trama A, stranamente, va peggio, poiché la sua premessa centrale è sottosviluppata e si concentra in gran parte sull'introduzione di nuovi personaggi che non ottengono abbastanza riflettori per inquadrare correttamente. Il primo di questi è il guardiamarina Jet (Marcus Henderson), tecnicamente già visto in Freccia errante di Cupido e un apparente sostituto di Boimler che lotta contro lo status di leader de facto di Mariner (Tawny Newsome). La sua attenta pianificazione è in diretto contrasto con l'improvvisazione a ruota libera di Mariner, che crea problemi poiché la loro missione di ripulire il serraglio esplosivo di un collezionista morto va terribilmente storta. La consapevolezza reciproca che il rinvio all'esperienza di Rutherford (Eugene Cordero) e Tendi (Noël Wells) li renderebbe entrambi leader migliori è un bel po' di crescita per entrambi i personaggi, ma è strano vedere Jet messo da parte alla fine dell'episodio quando il riemergere di Boimler lo rende scomodo. Si può solo sperare che sia un elemento ricorrente per tutta la stagione.

L'altra grande novità è il nuovo ufficiale di sicurezza, Kayshon (Carl Tart), un tamarino pacato che si sforza di non parlare nel solito dialetto metaforico della sua gente. Finora è una specie di personaggio con una sola nota, reso solo così ulteriormente dalla sua trasformazione in un burattino a mano inanimato a metà dell'episodio. Stranamente, questa gag non finisce davvero per andare da nessuna parte, fungendo da non-sequitur per consentire il conflitto di Mariner e Jet.

In effetti, questo è un problema ricorrente con Kayshon, His Eyes Open. Anche se non senza alcune battute buone – l'ossessione del Capitano Freeman (Dawnn Lewis) per la microgestione e una gag usa e getta sugli errori di animazione del passato sono straordinari – non c'è proprio molta commedia da ridere in questo episodio. Se lo show vuole passare ad avventure più dirette a scapito delle sue radici comiche, non è necessariamente una cosa negativa, ma questa stagione sta iniziando a sentirsi poco convinto nei suoi tentativi di produrre risate o pathos. Non è spiacevole. È solo un riempitivo mentre aspettiamo che la promessa della prima stagione dello show riemerga, o che lo spettacolo cresca in una nuova forma. Ma per ora, Ponti inferiori corre il rischio reale di diventare stagnante.

Star Trek: Lower Decks rilascia nuovi episodi ogni giovedì su Paramount+.