By Erin Holloway

'Star Trek: Lower Decks' 2.09 Recensione: Tre navi

Il nostro verdetto

Gli sceneggiatori stanno diventando più a loro agio nello sperimentare la forma e la funzione del loro strano piccolo figliastro del marchio 'Star Trek'.

Per

  • - Trama multi-nave davvero originale
  • - Le gag con i 'compagni di bridge' sono nel complesso abbastanza buone

Contro

  • - La commedia passa in secondo piano in questo episodio, ma non tanto da sembrare una vera partenza
  • - La trama sembra un po' troppo ambiziosa per il formato di mezz'ora

Questo post contiene spoiler per Star Trek: Lower Decks . Dai un'occhiata al nostro ultimo recensione qui.

'Tre navi' sembra indicativo di una tensione di fondo nel come Ponti inferiori è percepito come opposto al tipo di spettacolo che desidera essere. Come commedia animata americana, c'è un'aspettativa di fondo che lo spettacolo abbia una certa adultità volgare che sembra avere un chilometraggio limitato all'interno del tono e del tenore di Star Trek , e poiché le battute dello show si sono indebolite, il rispetto per Trekking il mito è solo diventato più forte. Per quanto frustrante sia diventato in questa stagione la dipendenza dalle battute sul servizio dei fan, sembra che ci sia stata questa tentazione persistente di abbandonare l'umorismo a favore di giocare in questo universo, di usare il mezzo dell'animazione per raccontare storie che gli spettacoli precedenti potevano ' T. 'Three Ships' sembra un passo in quella direzione e, sebbene non abbandoni del tutto la commedia, la maggior parte del runtime è dedicata a qualcosa di un po' più concettualmente interessante.



L'apparente trama con i nostri personaggi principali in questo episodio vede Boimler (Jack Quaid) senza un compagno di bridge, un membro del personale di comando con cui ha un rapporto di lavoro consolidato con cui trascorrere le sue ore libere. Nel tentativo di rovinare il tempo che i suoi amici trascorrono con i loro compagni di bridge, scopre che costantemente non riesce ad adattarsi alla loro dinamica.

Cercare di parlare con Shax (Fred Tatasciore) del suo passato lo manda in una rabbia frenetica che solo Rutherford (Eugene Cordero) e lo scultore di ceramiche possono reprimere. La dottoressa T'Ana (Gillian Vigman) e Tendi (Noël Wells) si arrampicano sul ponte ologrammi in omaggio a Star Trek V , solo per gli stivali a razzo di Boimler che non riescono a tenere il passo. Il capitano Freeman (Dawnn Lewis) e il marinaio (Tawny Newsome) si legano in modo aggressivo su discussioni e addestramento al combattimento. Questo porta Boimler a mentire accidentalmente in una relazione con il comandante Ransom (Jerry O'Connell) per un'origine condivisa alle Hawaii, una gag che si risolve così rapidamente che è difficile persino definirla timida. La cosa più interessante di questo episodio è che questa è la trama B, e sembra davvero che gli sceneggiatori riconoscano a malincuore la necessità di essere divertenti per tenere conto della loro premessa più interessante.

Come suggerisce il titolo dell'episodio, trascorriamo una notevole quantità di tempo con altre due navi, in particolare i membri dei ponti inferiori di quelle ciurme in una storia che alla fine converge sulle navi che si incontrano in battaglia. La prima è una nave Klingon in cui un guardiamarina si ingrazia la sensibilità onorevole del suo capitano, solo per riconoscere il disonore del capitano stesso nel complottare contro la Federazione con la collaborazione segreta di Pakleds. La seconda è una nave vulcaniana, in cui una serie di ribellioni in un guardiamarina vulcaniano finisce per salvare la situazione dall'assalto Klingon-Pakled, sebbene la sua dipendenza dall'istinto sia ancora liquidata come del tutto inappropriata.

Queste due storie servono come strani riflessi rispettivamente dei personaggi di Boimler e Mariner e danno un po' di Porte scorrevoli prospettiva di come sarebbero le loro traiettorie di vita se fossero nati in specie diverse. È un'idea interessante, che spinge l'identità concettuale di Ponti inferiori in un modo che altro Trekking spettacoli mai contemplati.

Non è chiaro a questo punto se questo episodio sia un concetto unico o se preveda un ulteriore cambiamento nella sensibilità dello show, o anche se preveda imminenti complicazioni della trama con i Pakled. Ciò che è chiaro è che gli sceneggiatori stanno diventando più a loro agio nello sperimentare la forma e la funzione del loro strano piccolo figliastro del Star Trek marca. Mentre stanno ancora cercando di capire esattamente come la commedia gioca un ruolo, è incoraggiante vederli fare il tentativo di crescere per il bene della longevità dello spettacolo.

Star Trek: Lower Decks rilascia nuovi episodi ogni giovedì Paramount Plus .