By Erin Holloway

Recensione di 'Spider-Man: No Way Home': nemici familiari affliggono Spider-Man e il film

Il nostro verdetto

Quando la gioia per i nuovi (vecchi) arrivi svanisce, potresti desiderare la versione più semplice di questa storia.

Per

  • - La chimica di Tom Holland, Zendaya e Jacob Batalon è ancora fantastica
  • - Il Green Goblin di Willem Dafoe rimane il miglior cattivo di Spider-Man
  • - Un paio di momenti da brivido teatrale che i fan adoreranno

Contro

  • - Perché i film di Spider-Man dimenticano sempre che a volte meno è di più?
  • - Alcuni dei personaggi non sono necessari
  • - Non riesce a trovare l'equilibrio tra spettacolo e storia

Un tema chiave per Spider-Man: Non c'è modo di tornare a casa si occupa delle scelte che facciamo e di cosa faremmo se potessimo avere una seconda possibilità. Sfortunatamente, la Marvel e il regista Jon Watts, con il terzo ingresso ufficiale di Spider-Man nel MCU, non riescono a imparare una lezione chiave dai problemi dei precedenti Uomo Ragno franchising — a volte meno è di più.

Tom Holland ritorna nei panni di Peter Parker/Spider-Man Spider-Man: Non c'è modo di tornare a casa , che riprende immediatamente da dove il film precedente, Spider-Man: Lontano da casa , lasciato fuori. Un video manipolato di Mysterio (Jake Gyllenhaal) è condiviso da J. Jonah Jameson (J.K. Simmons), che ora gestisce The Daily Bugle come focolaio di cospirazioni su Internet, che rivela Peter Parker nei panni di Spider-Man. Peter scopre che questo smascheramento non riguarda solo lui, ma anche MJ (Zendaya), Ned (Jacob Batalon), May (Marisa Tomei) e altri a cui tiene, quindi chiede aiuto al dottor Strange (Benedict Cumberbatch).



Lo stregone si offre di lanciare un incantesimo che farà dimenticare a tutti che Peter Parker è Spider-Man, ma quando Peter sbaglia, alcuni ospiti indesiderati arrivano sotto forma di cattivi dall'altro Uomo Ragno film: Doc Ock (Alfred Molina), Electro (Jamie Foxx), Lizard (Rhys Ifans), Sandman (Thomas Haden Church) e Green Goblin (Willem Dafoe). Peter è costretto a riportarli tutti sani e salvi alle proprie dimensioni.

Quando è arrivata la notizia che questi iconici Uomo Ragno i cattivi ne farebbero parte Spider-Man: Non c'è modo di tornare a casa , i fan erano ovviamente estasiati. Tuttavia, il loro effettivo arrivo nell'iterazione olandese del supereroe ripete una delle più grandi critiche rivolte sia a Tobey Maguire che a quella di Andrew Garfield Uomo Ragno film - nella loro uscita finale c'erano troppi cattivi.

Spider-Man 3 vedeva Sandman, Venom (Topher Grace) e Harry Osborne di James Franco che assumevano il ruolo di Green Goblin. L'incredibile Spider-Man 2 ha avuto apparizioni da Rhino (Paul Giamatti), un altro Green Goblin (Dane DeHaan) e Electro di Foxx. Ci sono cinque cattivi in Spider-Man: Non c'è modo di tornare a casa , ma quando si arriva al punto, la vera storia di Peter ha solo una connessione emotiva con uno solo. Il resto è quasi superfluo: una bella sorpresa, ma poco più di un servizio di fan.

Anche se devo prendermi un attimo per elogiare Willem Dafoe. Il Green Goblin dell'attore rimane il migliore Uomo Ragno ancora un cattivo sul grande schermo ed è stato un piacere vederlo dare ancora una volta quella risata sinistra. È l'esempio di come hanno effettivamente intrecciato il suo personaggio nella storia di Holland piuttosto che averli semplicemente lì perché potevano.

Anche: I fan di 'Spider-Man: No Way Home' sono sbalorditi da un cameo a sorpresa

Spider-Man: Non c

(Credito immagine: Marvel)

Potrebbe essere Spider-Man: Non c'è modo di tornare a casa il problema più grande di Sebbene alcuni dei momenti che derivano da questi visitatori esterni siano davvero divertenti da vedere, o offrono poco all'arco emotivo di Peter o si protraggono troppo a lungo (a due ore e mezza, questo è il più lungo Uomo Ragno ancora). È anche un peccato, perché c'è un buon viaggio per Peter in questo film che gli insegna quali sacrifici devono essere fatti per essere Spider-Man.

Nonostante tutto ciò, probabilmente è difficile non divertirsi almeno mentre sei Guardando Spider-Man: Non c'è modo di tornare a casa . La performance di Tom Holland nei panni di Peter Parker è ancora un punto culminante, in particolare quando inizia a lavorare con MJ di Zendaya e Ned di Jacob Batalon. Questo trio principale ha una chimica fantastica e spesso ti ricorda che, nonostante debbano combattere con i supercriminali, sono ancora adolescenti. L'ambiente del liceo è stato ed è un'ottima scelta da parte del team creativo di questo Uomo Ragno trilogia, ma è un peccato non averne così tanto in questo film; Tony Revolori, Angourie Rice, Martin Starr e J.B. Smoove, che sono stati molto divertenti nelle prime due puntate, sono poco più che cameo qui.

Spider-Man: Non c'è modo di tornare a casa arriva alla fine di un grande anno per la Marvel. La fase 4 è in corso e il multiverso sta arrivando, come sappiamo da Loki e il prossimo film di Doctor Strange, letteralmente chiamato Il dottor Strange nel multiverso della follia (che viene preso in giro in una delle due sequenze post-crediti). Tuttavia, ciò che è stato fantastico in alcuni di questi ultimi contenuti MCU, soprattutto dopo la massiccia conclusione di Vendicatori: Fine del gioco , era che le storie sono un po' più piccole poiché i personaggi affrontano problemi più personali o vengono presentati ai fan per la prima volta. Spider-Man, come uno dei personaggi più popolari dell'MCU, ha optato per una storia quasi a livello di Avengers e nel processo ha perso un po' il filo.

Spider-Man: Non c'è modo di tornare a casa ora suona esclusivamente nelle sale cinematografiche.