By Erin Holloway

Recensione 'Spencer': Kristen Stewart brilla in un weekend di vacanza inquietante

Il nostro verdetto

Stewart e Larraín catturano in modo avvincente l'essenza della vita di Diana attraverso una lente di terrore e terrore esistenziale, consolidando 'Spencer' come uno dei migliori film dell'anno

Per

  • - Kristen Stewart fa un'interpretazione ipnotica da protagonista
  • - La colonna sonora di Jonny Greenwood è una delle sue migliori
  • - L'inclinazione di Pablo Larraín all'atmosfera da film horror fornisce una gradita svolta alla formula del film biografico

Contro

  • - La sceneggiatura di Steven Knight è probabilmente un po' troppo orgogliosa dei suoi espliciti parallelismi con Anna Bolena

Quando i loghi della produzione finiscono di passare e la scena svanisce su quella di Pablo Larraín Spencer , un intertitolo informa il pubblico che questa è una favola basata su una vera tragedia, un segnale che questo film biografico non deve essere preso come eventi letterali accaduti alla vera principessa Diana del Galles, ma sono invece fiction ispirate alla sua vita ed esperienze. È una distinzione importante da fare, non solo perché Spencer presumibilmente condensa più occorrenze della vita di Diana fino a una singola vacanza di Natale del 1991, ma inquadra la sua narrativa in termini che ricordano più un film dell'orrore che un dramma convenzionale.

È una scelta stilistica che pone in modo esplicito Diana come una sopravvissuta della propria vita, per non essere vincolata da un racconto fattuale e invece accettata come una verità emotiva. E nel frattempo, Larraín e Kristen Stewart, interpretando la principessa titolare, hanno dato vita ad alcuni dei migliori lavori della loro carriera.



Proprio come il precedente esame di Larraín della regalità femminile moderna, Jackie , Spencer pone l'accento sulla sua performance principale, non necessariamente escludendo tutto il resto, ma come una lente inequivocabile attraverso la quale si sperimentano le difficoltà di Diana. La principessa ha subito una relazione difficile con il personale domestico e la sua famiglia, ma è altrettanto evidente che le sue opzioni sono estremamente limitate per come ci si aspetta e si obbliga ad agire.

La famiglia reale è ritratta come figure gelide dal giudizio silenzioso, guidate dallo spettro formalistico della regina Elisabetta II (Stella Gonet). Lo stesso marito di Diana, Charles (Jack Farthing), è un adultero emotivamente distante, abbastanza audace da regalare a Diana lo stesso set di perle che ha regalato alla sua amante, e lo staff in generale considera tutte le informazioni raccolte sulla salute mentale di Diana come valuta da vendere ai sbavanti paparazzi. I suoi unici alleati sono alcuni membri del personale fidato e selezionato (Sean Harris e Sally Hawkins) ei suoi due figli (Jack Nielen e Freddie Spry); ma per quanto queste interazioni le permettano di essere vulnerabile e anche occasionalmente gioviale, anche la loro lealtà è una domanda perpetua.

Ciò si manifesta nella performance di Stewart nei panni di una figura perennemente educata e un po' nervosa, ma che nasconde completamente la sua agitazione per essere confinata in un ruolo che le chiede di non sembrare carina per nessuno e di disattivare qualsiasi parvenza di personalità che tradirebbe il famiglia reale come qualcosa di meno che divino. Sottili tic di timidezza e vergogna punteggiano le sue prime interazioni, in particolare con il militare incaricato di vegliare sulle sue attività (Timothy Spall), ma lasciano il posto a esplosioni maniacali di scusa al personale di supporto e momenti privati ​​di ribellione violenta e autolesionismo. La bulimia di Diana, in particolare, è mostrata come un rifiuto della decadenza forzata del suo stile di vita, un singolo punto di controllo in un programma rigidamente imposto di cambi di abbigliamento arbitrari e intrappolamento monotono all'interno dei giardini del palazzo.

Questo è ciò che presta Spencer la sua atmosfera da film horror, che si tratti della cinematografia claustrofobica di Claire Mathon che contrasta gli interni sontuosi con la libertà degli spazi aperti preferiti della giovinezza di Diana o della superba colonna sonora di Jonny Greenwood che crea un'atmosfera scoraggiante per riprese semplici come l'arrivo della famiglia reale. Ma va ancora più in profondità, quando Diana viene incuriosita dai parallelismi della sua vita con quella di Anna Bolena – un paragone di cui lo sceneggiatore Steven Knight è probabilmente un po' troppo orgoglioso per quanto sia duramente martellato a casa – e a sua volta viene perseguitata da un vero manifestazione della famosa moglie assassinata di Enrico VIII (Amy Manson). In combinazione con le visite ai campi avvolti dalla nebbia e alla fatiscente casa d'infanzia di Diana, c'è la sensazione persistente che il passato e il presente siano crollati in un terribile malessere che priva la principessa di ogni speranza per un futuro.

In fondo, questo è il punto cruciale dell'intuizione di Larraín sull'ex signora Spencer. Il fascino della regalità, con tutto il suo glamour e il suo valore da tabloid, è in gran parte una maschera per una cultura aristocratica che si attiene all'artificio dell'importanza personale annullando qualsiasi senso di indipendenza da coloro che sono portati nel suo ovile. Il miracolo della vita di Diana è che è riuscita a mantenere il suo senso di personalità individuale, nonostante il suo confinamento in un sistema che richiedeva obbedienza silenziosa per il bene del paese. Stewart e Larraín catturano in modo così avvincente questa essenza attraverso una lente di terrore e terrore esistenziale, cementando Spencer come uno dei migliori film dell'anno, indipendentemente dal fatto che si aggrappi alla verità letterale di quella vacanza di 30 anni fa.

Spencer uscirà esclusivamente nelle sale il 5 novembre.

Articoli Interessanti