By Erin Holloway

La star di 'Ridley Road' Rory Kinnear: 'Colin ha continuato la sua diatriba di odio fino alla fine'

Il leader fascista Colin Jordan, interpretato da Rory Kinnear in

Il leader fascista Colin Jordan, interpretato da Rory Kinnear in 'Ridley Road'. (Credito immagine: BBC)

Rory Kinnear interpreta un vero fascista nel thriller teso della BBC1 Ridley Road . Sta interpretando Colin Jordan che era il leader del gruppo fascista, il Movimento Nazionalsocialista (NSM) che aveva opinioni naziste molto estreme, in particolare con il suo antisemitismo vocale.

Basato su eventi veri, il dramma è ambientato nei primi anni '60 nell'East End di Londra, dove il sostegno all'NSM era in crescita e l'antisemitismo era diffuso. Segue la giovane parrucchiera ebrea Vivien Epstein (interpretata dalla nuova arrivata Agnes O'Casey ), che viaggia da Manchester a Londra per trovare il suo amante Jack (Tom Varey).



Lì scopre che Jack sta lavorando segretamente per l'organizzazione di resistenza ebraica, The 62 Group, insieme a suo zio Soly (Eddie Marsan), e si è infiltrato nell'NSM. Quando Jack scompare, Vivien deve mettersi sotto copertura e cercare di trovare il suo amante seducendo l'incredibilmente pericoloso neonazista Colin Jordan. Alcuni intorno a lui, tuttavia, diventano sospettosi, incluso il suo autista Lee ( Danny Hatchard ).

Ridley Road è un film in quattro parti che inizia su BBC1 domenica 3 ottobre (e su PBS in America in un secondo momento), inoltre tutti e quattro gli episodi verranno trasmessi anche su BBCiPlayer dal 3 ottobre.

Qui, Rory Kinnear, che in precedenza ha recitato in drammi come Anni e anni, e recita nell'attuale film di James Bond Non c'è tempo per morire , parla di come ci si sente a ritrarre un personaggio così atroce ma storicamente importante...

Rory Kinnear nel suo personaggio di 'Ridley Road' Colin Jordan...

Rory Kinnear dice: Colin Jordan era una figura marginale della politica britannica, ma anche una figura di spicco dell'estrema destra britannica. Negli anni '60 aveva inizialmente fondato il BNP con qualcun altro, ma questi si sono separati e sono diventati il ​​Movimento Nazionalsocialista, di cui nel programma lo troviamo a capo nel 1962, spiega Rory. Alla fine si è ritrovato a cadere in disgrazia – se si può dire che era in un luogo di grazia per cominciare – e penso che sia morto intorno al 2008 e abbia continuato la sua diatriba di odio fino alla fine della sua vita.

Cosa ha attratto Rory in questo ruolo in Ridley Road...

Conosco la scrittrice Sarah Solemani (protagonista di Lui e lei fama) ed ero molto curioso di vedere la sua qualità di scrittura. Mi piace lei e il modo in cui è, e ho pensato che avrebbe portato qualcosa di fresco, interessante e dinamico all'adattamento, dice Rory. E, sperimentando negli ultimi quattro anni il linguaggio dell'odio e del pregiudizio e la crescente biforcazione della società, mi ha fatto venire voglia di vedere dove nella storia questo era arrivato in precedenza e come siamo riusciti a superarlo.

'Inoltre, a volte, possiamo considerare questi problemi non più rilevanti per noi stessi e che abbiamo risolto. Pensiamo che non saremmo un paese che ha pregiudizi né contro gli ebrei né contro l'immigrazione da altri paesi. Ma ovviamente sappiamo, soprattutto negli ultimi anni, che non è così.'

Ridley Road.

Fascismo in marcia a 'Ridley Road'.(Credito immagine: BBC)

Quello che Rory ha imparato sul vero Colin Jordan...

Penso che sia sempre un po' uno shock nel 2021, che solo diciassette anni dopo la seconda guerra mondiale, vedere persone che chiedono la rimozione degli ebrei dalla Gran Bretagna, dice Rory. Ciò che vediamo in una certa misura nella politica contemporanea di estrema destra è questa nozione che esiste questa oscura cabala di figure ebraiche che opera una cospirazione globale per tenere a bada l'uomo bianco cristiano. Ed ecco qualcuno che aveva combattuto lui stesso nella guerra ed era andato a Cambridge, suscitando quel livello di odio così presto dopo la catastrofe dell'Olocausto.

Come ha scoperto Rory interpretare un personaggio così vile...

Il linguaggio che usa e i tropi a cui aderisce pigramente sono così ripugnanti. In un certo senso, hanno creato una barriera eccessiva tra me come attore e questo personaggio, ammette Rory. Durante le riprese devi impegnarti con il personaggio e crederci, quindi più lo leggo, più mi sono ritrovato a prendere le distanze e a giudicare da lui, come penso che la maggior parte delle persone lo sarebbe se leggessero qualcosa ha scritto. Alla fine ho dovuto dire: 'Quali sono i fatti centrali della vita di quest'uomo?' Se voglio mettermi nei suoi panni, devo farlo con lo stesso livello di convinzione e convinzione che aveva lui in quello che ha detto.

Ridley Road.

Rory fa parte del movimento fascista in 'Ridley Road' in cui si infiltra la parrucchiera Vivien.(Credito immagine: BBC/Red Productions/Ben Blackall)

Rory su questo periodo della storia britannica...

Conoscevo l'estrema destra in Gran Bretagna: Oswald Mosley ed Enoch Powell. E, naturalmente, si conosce la storia dell'immigrazione nera in questo paese e le barriere e i pregiudizi che hanno dovuto affrontare negli anni '50 e '60, dice Rory. Non sapevo di Colin Jordan e non sapevo del Movimento Nazionalsocialista. Non sapevo che fossero riusciti a ottenere così tanto successo, o almeno pubblicità, grazie alla loro capacità di sfruttare il fattore shock.

Danny Hatchard nel ruolo dell

Danny Hatchard (davanti) nei panni del ripugnante pilota di Colin Jordan Lee in 'Ridley Road'.(Credito immagine: BBC/Red Productions/Ben Blackall)

Rory sul perché lo spettacolo è così importante oggi...

Non credo che questo spettacolo sia stato realizzato solo come un pezzo di storia degli anni '60. Ovviamente viene realizzato perché c'è qualcosa da dire sulla società britannica contemporanea, dice Rory. E inoltre, sta dicendo che anche se potrebbe non essere un'opinione maggioritaria, queste argomentazioni ripugnanti esistono ancora e dobbiamo continuare a resistervi.

Il ricordo preferito di Rory durante le riprese di 'Ridley Road'...

Quando stavamo girando nello Yorkshire per una settimana, avevano un piccolo lago balneabile selvaggio nel parco della dimora signorile. Quindi prima delle riprese facevo un bel tuffo verso le 7 del mattino e poi tornavo in macchina, assicurandomi che facesse il più caldo possibile mentre tornavo nella mia stanza, ricorda Rory.

Il design della produzione è fantastico, ti senti davvero come se fossi spinto in un mercato degli anni '60, dice Rory. Hanno fatto un lavoro così straordinario, ovviamente usando Manchester per assomigliare a Londra, ma anche tutte le cianfrusaglie contemporanee che si vedono in una trafficata via dello shopping. Come sono riusciti a nascondere tutto ciò che è moderno e allo stesso tempo rifare tutte le facciate dei negozi è sempre emozionante farne parte.

A causa della pandemia, durante le prove eravamo tutti in maschera e ci è stato permesso di toglierle solo poco prima dell'azione per una ripresa. Abbiamo dovuto viaggiare in auto da soli e indossare maschere da e per il set. Le ultime due settimane sono state particolarmente strane essendo a Manchester, perché era durante il blocco. Sei in un hotel dove non c'è bar, ristorante e nessun posto dove andare, quindi è una cosa strana, sicuramente anche essere lontano da casa.

Rory sul lavoro con i membri del cast più giovani, Tom Varey e Agnes O'Casey.

Tom Varey e Aggi O

Tom Varey e Aggi O'Casey nei panni di Vivien e Jack in 'Ridley Road' della BBC1.(Credito immagine: Ben Blackall)

È stato abominevole. Odio i giovani. Odio la loro speranza e odio i loro sogni e ho cercato di schiacciarli il più possibile, scherza. No, voglio dire, la cosa bella di recitare in qualsiasi tipo di progetto è che lavori con un'ampia gamma di persone ed età, in diverse fasi della carriera delle persone. Lavori e conosci le persone intensamente per un paio di mesi e poi non le devi più vedere.

'Ovviamente per Agnes, questo è un momento così enorme nella sua vita, essendo il suo primo lavoro in assoluto dopo la scuola di recitazione. Essere essenzialmente in ogni scena ed essere l'intero fulcro dello spettacolo è enorme. Ho cercato di renderle la vita il più difficile possibile e di ricordarle che non è sempre così e alcuni di noi hanno dovuto lottare per avviare qualsiasi tipo di carriera! E, per quanto sia felice, la odiamo tutti per questo.