By Erin Holloway

Recensione di The Queen's Gambit: Mate in sette

Il nostro verdetto

Una storia avvincente - e spesso dolorosa - incontra una bella cinematografia in una serie che gestisce le sue mosse quasi alla perfezione.

Per

  • ♕ Un personaggio torturato interpretato brillantemente da tre attrici.
  • ♕ Eccellente ritmo che ti mantiene interessato anche se non ti interessano gli scacchi.
  • ♕ Cast di supporto forte.

Contro

  • ♛ I problemi della madre di nascita avrebbero potuto essere esplorati un po' di più.

Questa recensione contiene lievi spoiler per Il gambetto della regina.

Gli scacchi sono un gioco semplice da imparare. I pezzi si muovono in modi particolari, e basta. Ma padroneggiare il gioco? Questa è un'altra questione. Ci vuole tempo e lavoro, certo. Ma ce ne sono anche alcuni con un talento innato: la capacità di vedere il tabellone e le mosse in modi che il resto di noi semplicemente non può. E alcune di queste persone sono incredibilmente giovani.



Quando incontriamo Beth Harmon (Anya Taylor-Joy) in Il gambetto della regina , però, non è davanti a una scacchiera. Prima è in una vasca da bagno a Parigi, in ritardo per una partita, ovviamente dopo una lunga notte fuori.

La incontriamo di nuovo - questa volta da bambina - su un ponte, con sua madre appena uccisa in un incidente d'auto che avrebbe dovuto porre fine alle loro vite. Beth viene portata in un orfanotrofio dove le ragazze vivono secondo regole rigide e vengono medicate con tranquillanti. L'unico vestito di Beth che ha portato con sé - che porta il suo nome, così non dimenticherà mai chi è, ha detto sua madre - deve essere bruciato. Alcune ragazze trovano nuove famiglie. Altri sono vitali.

Questo non è un posto felice.

Harmon è interpretato brillantemente nell'arco di tre anni da Annabeth Kelly nei panni della bambina di 5 anni, Isla Johnston di circa 9 e Anya Taylor-Joy dall'adolescenza in su. C'è l'ovvia tristezza che deriva dal fatto che tua madre si è suicidata e ha cercato di portarti con sé: le ultime parole di Alice Harmon (Chloe Pirrie) alla figlia, riferite alla nuova amica orfana di Beth, Joelene (Moses Ingram), sono state 'Chiudi gli occhi'. .'

Queste tre parole funzionano molto, ma all'inizio della serie di sette episodi non lasciano dubbi su quali fossero le intenzioni di Alice e quale effetto avranno su Beth. La prefigurazione continua quando Jolene dice a Beth di conservare le pillole verdi (i tranquillanti) per la notte e di non drogarsi durante il giorno. Beth impara quella lezione nel modo più duro. Jolene avverte anche Beth di non abituarsi troppo alla sensazione, cosa che ovviamente farà.

È qui che la serie stessa inizia ad assomigliare a una partita di scacchi. Possiamo iniziare a vedere i pezzi sul tabellone. E possiamo iniziare a vedere alcune delle mosse in anticipo. Beth prenderà tranquillanti agganciati. Ma non possiamo ancora vedere il risultato. È troppo presto.

Anche la stessa Beth inizia a vedere pezzi e si muove dopo aver visitato il seminterrato per pulire le gomme da cancellare e aver trovato il bidello, il signor Shaibel, che giocava a scacchi con se stesso. Beth è incuriosita, ma il signor Shaibel si rifiuta di insegnarle il gioco. Di notte, con l'aiuto dei farmaci, ovviamente, inizia a vedere i pezzi e si muove sul soffitto. Visita il più possibile il seminterrato dell'orfanotrofio (per essere un posto con regole rigide, a nessuno sembrava importare di quanto fosse in corso la pulizia della gomma), e alla fine il signor Shaibel cede e inizia a insegnare a Beth il gioco, dandole lezioni e libri .

Beth è ossessionata. È tutto ciò che vede e tutto ciò che vuole sapere. Ha il tipo di personalità i cui tratti di dipendenza permeano, dal gioco alle droghe a qualsiasi altra cosa accadrà nella sua vita. È una saggia, ma con dei veri demoni. Quando l'orfanotrofio è costretto a smettere di drogare le ragazze, Beth inizia ad andare in astinenza e irrompe nell'armadio della farmacia. Si infila una manciata di pillole in bocca e altre in tasca, va in overdose e sviene. Il problema, ovviamente, sono gli scacchi - Beth è riuscita a farsi strada nel club di scacchi del liceo locale mentre viveva ancora all'orfanotrofio - e così la direttrice pone fine a tutte quelle sciocchezze. Semplicemente non è quello che fanno le ragazze negli anni '60.

Beth alla fine viene adottata. Ma mentre la vita suburbana di Alma Wheatley (Marielle Heller) e Allston Wheatley (Patrick Kennedy) all'inizio sembra idilliaca, soprattutto se paragonata agli anni trascorsi in un orfanotrofio, la facciata crolla rapidamente. Alma è una bevitrice. Allston riesce a malapena a riconoscere Beth (o sua stessa moglie, se è per questo), e se n'è andato più di quanto non sia in giro, inviando denaro a volte. Beth inizia la scuola. Ma come qualcuno che è cresciuto senza mezzi o alcun tipo di esperienza nel mondo reale - oltre alla consapevolezza che sua madre ha cercato di ucciderla - è un'esistenza solitaria circondata da bambini che sono al culmine della loro potenziale orribilità.

Immagine 1 di 11

Anya Taylor-Joy nel ruolo di Beth Harmon

Anya Taylor-Joy nel ruolo di Beth Harmon in 'The Queen's Gambit' su Netflix.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 2 di 11

Annabeth Kelly nei panni di Beth Harmon e Christiane Seidel nei panni di Helen Deardorff in

Annabeth Kelly nei panni di Beth Harmon e Christiane Seidel nei panni di Helen Deardorff in 'The Queen's Gambit' su Netflix.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 3 di 11

Da sinistra, Patrick Kennedy nei panni di Allston Wheatley, Anya Taylor-Joy nei panni di Beth Harmon e Marielle Heller nei panni di Alma Wheatley in

Da sinistra, Patrick Kennedy nei panni di Allston Wheatley, Anya Taylor-Joy nei panni di Beth Harmon e Marielle Heller nei panni di Alma Wheatley in 'The Queen's Gambit' su Netflix.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 4 di 11

Anya Taylor-Joy come Beth Harmon e Jacob Fortune-Lloyd come Townes in

Anya Taylor-Joy nei panni di Beth Harmon e Jacob Fortune-Lloyd nei panni di Townes in 'The Queen's Gambit' su Netflix.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 5 di 11

Da sinistra, Matthew Dennis Lewis nel ruolo di Matt, Harry Melling nel ruolo di Harry Beltik, Thomas Brodie-Sangster nel ruolo di Benny, Max Krause nel ruolo di Levertov, Ryan Wichert nel ruolo di Wexler e Russell Dennis Lewis nel ruolo di Mike in

Da sinistra, Matthew Dennis Lewis nei panni di Matt, Harry Melling nei panni di Harry Beltik, Thomas Brodie-Sangster nei panni di Benny, Max Krause nei panni di Levertov, Ryan Wichert nei panni di Wexler e Russell Dennis Lewis nei panni di Mike in 'The Queen's Gambit' su Netflix.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 6 di 11

Anya Taylor-Joy come Beth Harmon e Marcin Dorocinski come Vasily Borgov in

Anya Taylor-Joy nei panni di Beth Harmon e Marcin Dorocinski nei panni di Vasily Borgov in 'The Queen's Gambit' su Netflix.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 7 di 11

Anya Taylor-Joy nel ruolo di Beth Harmon

Anya Taylor-Joy nel ruolo di Beth Harmon in 'The Queen's Gambit' su Netflix.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 8 di 11

Anya Taylor-Joy come Beth Harmon e Jacob Fortune-Lloyd come D.L. Città dentro

Anya Taylor-Joy come Beth Harmon e Jacob Fortune-Lloyd come D.L. Townes in 'The Queen's Gambit' su Netflix.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 9 di 11

Anya Taylor-Joy come Beth Harmon e Moses Ingram come Jolene in

Anya Taylor-Joy nei panni di Beth Harmon e Moses Ingram nei panni di Jolene in 'The Queen's Gambit' su Netflix.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 10 di 11

Anya Taylor-Joy nei panni di Beth Harmon e Thomas Brodie-Sangster nei panni di Benny Watts

Anya Taylor-Joy nei panni di Beth Harmon e Thomas Brodie-Sangster nei panni di Benny Watts in 'The Queen's Gambit' su Netflix.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 11 di 11

Isla Johnston nei panni di Beth Harmon e Bill Camp nei panni del signor Shaibel

Isla Johnston nei panni di Beth Harmon e Bill Camp nei panni del signor Shaibel in 'The Queen's Gambit' su Netflix.(Credito immagine: Netflix)

Gli scacchi sono l'unica cosa che fa andare avanti Beth. E dopo che ha scritto al signor Shaibel e ha chiesto un prestito per la quota di iscrizione a un torneo di scacchi locale - la signora Wheatley di certo non aveva i $ 5 da spendere quando c'è la birra da bere - gli scacchi iniziano sul serio. È un modo per Beth di fare soldi e un modo per saziare il suo cervello. Bene, gli scacchi e le pillole e ora l'alcol.

Questi sono i pezzi che Il gambetto della regina mette sul tabellone. Come gli scacchi stessi, i pezzi sono semplici da capire. Tragica educazione. L'esterno negativo influenza in abbondanza. Alcuni positivi, anche, sotto forma di giovani uomini, ma l'inesperto Beth ha difficoltà a elaborare queste opzioni. E come Beth, vediamo molte mosse in anticipo. Sappiamo che la dipendenza è ciò che la rende ciò che è, e sappiamo cosa la dipendenza, sia dagli scacchi che dalle sostanze, le farà. Sappiamo che i suoi amici (e avversari; Thomas Brodie-Sangster — da cui riconoscerai Game of Thrones o Il corridore di labirinti o come la voce di Ferb in Phineas e Ferb — ha un grande ruolo in quanto entrambi) vogliono aiutarla, la domanda è se Beth glielo permetterà.

Sappiamo che ci sono molte mosse possibili che Beth può fare mentre inizia a battere sempre più dei migliori giocatori di scacchi negli Stati Uniti, e poi in Messico, e in Francia, e infine in Unione Sovietica, affondando anche sempre più profondamente dentro di sé.

Quello che non sappiamo mentre stiamo guardando (e non lo rovinerò qui) è il finale di gioco. Non sappiamo se Beth otterrà finalmente la vittoria sull'avversario che desiderava. Non sappiamo se la storia finirà in tragedia, con il suo re dalla sua parte e la sua vita in bilico. O se tirerà fuori la vittoria e riempirà quello spazio vuoto. (E quel vuoto sazio sarebbe semplicemente sostituito da un altro?)

Il gambetto della regina — tratto dal romanzo di Walter Tevis — fa molto lavoro in soli sette episodi, e sta stabilendo record nel processo . È un'abbuffata straordinaria in mezzo a un mare di offerte incostanti di Netflix. Scott Frank, che ha diretto tutti e sette gli episodi e si è occupato anche delle sceneggiature, ha sfruttato al massimo quel breve tempo e ha girato la serie magnificamente. Le storie stesse si muovono velocemente, quasi come se la serie avesse un timer, proprio come una partita a scacchi. Ci sono pochi (se ce ne sono) momenti sprecati.

E non devi nemmeno essere un giocatore di scacchi per divertirti Il gambetto della regina . Devi solo voler vedere quale mossa farà Beth dopo.

Le migliori offerte Netflix di oggi Standard Netflix $ 13,99/mese Visualizzazione

Articoli Interessanti