By Erin Holloway

'Sig. Recensione Corman' 1.03: Buon compleanno

Il nostro verdetto

'Happy Birthday' è tutt'altro che felice, poiché 'Mr. Corman' continua a sgobbare attraverso la sua storia egocentrica.

Per

  • 🎂 Debra Winger è sempre piacevole da guardare.
  • 🎂 Lo spettacolo che circonda Gordon-Levitt non è timido nel sottolineare i difetti del signor Corman.
  • 🎂 L'attenzione discreta su un singolo evento assicura una storia snella.

Contro

  • 🎂 La sequenza fantasy sembra gestita in modo traballante.
  • 🎂 Il signor Corman continua ad essere un protagonista estenuante.
  • 🎂 Uno spettacolo onesto sul suo fastidioso protagonista non elimina il protagonista che è fastidioso.

Questo post contiene spoiler per Signor Corman.
Dai un'occhiata al nostro ultima recensione qui .

Se i primi due episodi di Signor Corman ha sollevato la questione preoccupante del perché esattamente questa storia sia una serie TV anziché un film, quindi Happy Birthday solleva solo la domanda un po' più forte. La trama rimane sottile in questo spettacolo, poiché la star e creatore Joseph Gordon-Levitt è ancora una volta il regista. E l'aspetto dello studio del personaggio del programma, man mano che impariamo di più su Josh Corman e sulla sua mentalità logorante, sarebbe più intrigante se ciò che abbiamo appreso questa settimana fosse lontanamente diverso da ciò che abbiamo già appreso un personaggio del titolo che ha le sembianze di un incantatore ma in realtà è un misantropo nevrotico e nevrotico che non è in grado di comunicare efficacemente con nessuno, compreso se stesso.



Il titolo dell'episodio implica gli eventi in esso contenuti: Josh va a prendere sua madre (Debra Winger) da casa sua in modo che possano partecipare alla festa di compleanno della nipote di Josh e della nipote di sua madre, dove Josh litiga sulla religione con sua sorella Elizabeth ( Shannon Woodward ) e si sforza di dire a sua madre quanto si preoccupa per lei. Come con le puntate precedenti, Happy Birthday alla fine ha un volo di fantasia: il culmine dell'episodio è un numero musicale in cui Josh e sua madre cantano e ballano attraverso i loro sentimenti reciproci, almeno come presentato attraverso la mente di Josh. La parte di canti e balli è un sincero promemoria del fatto che i talenti di Gordon-Levitt vanno oltre la recitazione (o almeno mirano ad andare oltre la recitazione; gran parte del suo canto e della danza ricorda quello di Ryan Gosling in La La Terra , in cui sei impressionato dal nome di un tendone per aver cercato di tirare fuori la minaccia dei molteplici talenti invece di farcela davvero), ma anche una deviazione così strana che sembra fuori luogo come le fantasie precedenti.

Forse le fantasie sarebbero più efficaci se Josh Corman fosse un protagonista interessante o riconoscibile rispetto a qualcuno a cui non viene solo posta la domanda Cosa c'è che non va in te? in modo mirato, ma merita di essere posta questa domanda. Josh è il tipo di personaggio con cui non ti piacerebbe essere intrappolato in un viaggio su strada per 3 giorni, per non parlare di 3 ore. Nell'arco di pochi minuti sulla strada per la casa di sua sorella, Josh sostiene che le sue stesse nevrosi e frustrazione per la sua vita sono in realtà dovute alle scelte che sua madre ha fatto e continua a fare. Questa discussione è tutta generata dalla confusione e dalla sorpresa di Josh nel trovare uno strano uomo di nome Larry (un Arliss Howard non accreditato, alias il signor Debra Winger) nella casa di sua madre, solo per scoprire che questo è il ragazzo di sua madre, e sono stati insieme per un anno.

Joseph Gordon-Levitt dentro

(Credito immagine: Apple TV+)

Le migliori offerte di Apple TV+ di oggi Apple TV+ Apple TV+ - Mensile $ 4,99/mese Visualizzazione

Sebbene Josh non sia irragionevolmente infastidito, lo trasforma rapidamente in un trattato su come sua madre sia responsabile delle sue decisioni sbagliate e su come sua sorella non sia veramente religiosa, ma una maniaca del controllo. (In cambio, sua madre sostiene che Josh, che è per metà ebreo, è un antisemita.) Quando Josh arriva alla festa, si connette veramente solo brevemente con sua nipote di 5 anni, prima che lei gli chieda come fa Dio creato il mondo. Questo porta Josh alla decisione decisamente molto saggia di dire che Dio non esiste, portando a un'altra discussione, questa con lui e sua sorella.

Probabilmente la questione centrale di Signor Corman Josh può trovare la felicità nella sua vita, comunque possa sembrare quella felicità? Ma c'è una domanda più importante e urgente, che lo show deve ancora interrogare: perché a qualcuno dovrebbe importare se Josh trova la felicità nella sua vita? (Considerando che condivido un nome con questo sgradevole zoticone, questa è una domanda che non mi piace scrivere.) Josh Corman, almeno per quello che abbiamo visto finora in questa serie Apple TV+, è il tipo di persona infelice che è felice solo quando gli altri vengono fatti sentire infelici come lui. Non è che uno spettacolo non possa concentrarsi su personaggi così spiacevoli, ma devi rendere la storia terribilmente avvincente per concentrarti su qualcuno di questa natura. Signor Corman è ora a 3/10 di quella che potrebbe essere la sua unica stagione, e non sta facendo un ottimo lavoro nel chiarire perché dovremmo preoccuparci di tutto questo.

Gordon-Levitt, Winger e Woodward stanno tutti bene, con gli ultimi due che comunicano in modo molto credibile la loro frustrazione per avere rispettivamente un figlio e un fratello, che è così dannatamente estenuante da affrontare. (Qualunque siano le tue convinzioni religiose personali, non sembra troppo difficile evitare discussioni oneste e adulte sulla natura delle divinità religiose per bambini di 5 anni, ma Josh - un insegnante di scuola elementare - lotta con questo .) Ma gli obiettivi dell'episodio sono così su piccola scala che avrebbe potuto essere portato in vita altrettanto facilmente in modo più breve... se questo fosse un film.

Debra Winger e Joseph Gordon-Levitt dentro

(Credito immagine: Apple TV+)

Quel ritmo di batteria potrebbe essere stancante da ascoltare (se non ora, quasi sicuramente entro la fine della stagione, a meno che questo spettacolo non cambi drasticamente marcia, il che sarebbe più che benvenuto). Ma Signor Corman sembra fatto su misura per essere stato un film invece di uno show televisivo. Non è l'unica serie TV prodotta dalla società di film indipendenti A24, ma Signor Corman sembra un film A24 così tanto che potrebbe benissimo esserci riuscito. O almeno sarebbe meno snervante come studio del personaggio di due ore.

Per ora, c'è una domanda Signor Corman deve ancora rispondere: perché questa storia? Senza dubbio è diventato un cliché per i critici televisivi e molti spettatori dire qualcosa sulla falsariga di Beh, sai, devi davvero restare con lo spettacolo per otto o nove episodi prima che diventi davvero buono. Si spera che sia vero per Signor Corman , anche se è lungo solo dieci episodi, quindi mancano ancora poche settimane al potenziale miglioramento. Detto questo, sarebbe l'ideale se Signor Corman ha smesso di aspettare per colpire una marcia più alta di qualità. Il momento è adesso.