By Erin Holloway

Recensione 'The Matrix Resurrections': Deja vu, tutto da capo

Il nostro verdetto

Lana Wachowski ha assemblato un pacchetto di grandi successi di 'Matrix' o ha creato un riavvio che è quasi troppo sovversivo per il suo stesso bene.

Per

  • - C'è un'emozione innegabile nel guardare Reeves e Moss rivisitare i loro ruoli iconici insieme a nuove versioni di vecchi personaggi, oltre a personaggi nuovi di zecca
  • - Sebbene l'azione sia messa in scena in modo molto diverso rispetto ai film precedenti, ci sono alcune sequenze fantastiche

Contro

  • - Ricrea scene, set e dialoghi specifici del film originale senza uno scopo chiaro diverso da un viaggio nella memoria
  • - Non è chiaro se dovrebbe ottenere un pass per copiare 'The Matrix', perché almeno sembra conoscerlo

È meglio o peggio se un sequel riconosce che sta copiando il film originale su cui è basato? La risposta può determinare quanto ti piace Matrix Resurrections , l'attesissima quarta puntata del Matrice franchising. Lavorando non con sua sorella Lilly, ma con i romanzieri David Mitchell ( Atlante delle nuvole ) e Aleksandar Hemon ( Il progetto Lazzaro ), Lana Wachowski ritorna nel franchise che non solo ha reso il duo un nome famoso, ma ha influenzato lo stile e la tecnica cinematografica più di qualsiasi altro film negli ultimi 20 anni.

Per quanto emozionante possa essere il suo arrivo, Matrix Resurrections ricrea troppe delle idee del primo film con solo un'evidente autocoscienza come protezione dalla sua mancanza di originalità, anche se Wachowski e il suo team aprono le porte a nuove avventure che il pubblico aspettava dalla sgonfiante conclusione della trilogia originale .



Keanu Reeves ritorna nei panni di Thomas Anderson, un designer di videogiochi il cui lavoro distintivo, La matrice , ha trasformato per sempre il panorama della sua industria e lo ha catapultato in un ufficio di c-suite dove gira le ruote alla ricerca di un'altra idea rivoluzionaria. Poiché le basi del gioco che piegano la realtà una volta sono diventate così vivide che ha smesso di essere in grado di distinguere la fantasia dalla realtà, Thomas vede regolarmente un analista (Neil Patrick Harris) che gli prescrive pillole blu per contrastare i suoi effetti inquietanti. Ma quando Morpheus (Yahya Abdul-Mateen), un personaggio del suo gioco, e una giovane donna di nome Bugs (Jessica Henwick) lo contattano per chiedere aiuto con il mondo segreto controllato dalle macchine, ha passato anni a convincersi diligentemente di se stesso è frutto di la sua immaginazione, il benessere di Thomas e la sua intera esistenza mondana iniziano a sgretolarsi intorno a lui.

C'è molto altro da spiegare nella trama, che come i suoi predecessori è sovraccarica di esposizione mentre in qualche modo è incredibilmente complicata e alla fine molto semplice, che lascerò agli spettatori di scoprire da soli. Ciò che Wachowski ha effettivamente fatto è costruire una bambola russa che nidifica l'originale Matrice si adatta all'interno.

In entrambi i film, Thomas vive una vita ordinaria che sente nascondere una realtà più profonda, viene contattato da individui provenienti da quella realtà reale e alla fine viene invitato a conoscere una verità vitale ma profondamente deprimente. Bugs e Morpheus ricreano persino luoghi ed esperienze dal risveglio originale di Thomas, dai set ai costumi alle battute letterali di dialogo, per rinfrescare la sua memoria. Una certa onorificenza è pagata al fatto che due decenni dopo gli esseri umani sono meno interessati a staccare la spina e cercare quella verità, ma non è immediatamente chiaro cosa si ottiene in un sequel che aggiunge un ulteriore livello di iper-consapevolezza ma per il resto segue i ritmi del primo film e lo sottolinea mentre li segue.

È senza dubbio divertente per i personaggi del mondo reale del film parlare del modo in cui la Warner Brothers ha infastidito il creatore di La matrice per anni per fare un sequel e ridurre le sue innovazioni - il bullet time è il più grande - a un espediente passato; ovviamente, il cinema è molto diverso da quello di 22 anni fa e il tempo dei proiettili viene ricreato abbastanza facilmente con la CGI. Ma se Matrix Resurrections non può assolutamente eguagliare il livello di innovazione del primo film - e forse è ingiusto pretendere che lo faccia - una ricostruzione ammiccante di quella storia sembra particolarmente priva di ispirazione, mentre i suoi nuovi svolazzi tecnici sembrano segnaposto per qualcosa di meglio che i registi non hanno mai capito.

Sembrerebbe che ci siano infinite possibilità per la storia, dato lo stato del mondo oggi, non solo per quanto riguarda la preveggenza attraverso lo specchio del film originale, ma anche in termini di tecnologia che diventa una pietra angolare così inestricabile delle nostre vite. La Wachowski, tuttavia, sembra abbastanza stupita dai risultati conseguiti da lei e da sua sorella la prima volta che anche lei è felice di fare il giro ancora una volta.

Matrix Resurrections

Yahya Abdul-Mateen in 'The Matrix Resurrections'(Credito immagine: Warner Bros.)

Sfortunatamente, l'azione è chiaramente peggiore Matrix Resurrections che in nessuno dei film precedenti. Con l'assenza del coreografo di Hong Kong Yuen Woo-ping questa volta, i momenti salienti provengono principalmente da mosse citate dai film precedenti, mentre il resto sembra confuso e difficile da navigare rispetto alle sequenze ultra-cool e assemblate con precisione che hanno reso l'originale serie una corsa così esilarante.

Il fatto che Reeves sia passato a franchise come John Wick — un altro che è stato più volte imitato e copiato — sottolinea solo quanto sia superfluo vederlo di nuovo in azione, per così dire, nei panni di Neo. In un'era in cui i supereroi con poteri telecinetici sono all'ordine del giorno, è una leggera delusione per il personaggio non riuscire a salire di livello nel modo in cui avrebbe dovuto dopo aver scoperto molto tempo fa come infrangere le regole della scienza e della fisica.

È emozionante vedere Reeves e Carrie-Anne Moss tornare sullo schermo in questi ruoli iconici. Il loro effettivo invecchiamento conferisce ai personaggi una maturità intrigante mentre contemplano se avviare o meno un nuovo ciclo di smantellamento e rinascita. Nel frattempo, mentre le controparti della prossima generazione riaccendono gli spiriti ribelli di Neo e Trinity, Henwick e Abdul-Mateen se la cavano altrettanto bene con le risme di esposizione che gli vengono date come facevano i loro predecessori.

In definitiva, senza il senno di poi di 22 anni di conversazioni culturali (tanto meno una seconda visione), è difficile valutare se questo film stia spingendo il franchise in nuove direzioni o semplicemente piegandosi come Neo ai proiettili commerciali lanciati da Lana Wachowski, Warner Fratelli e diversi milioni di fan in tutto il mondo. Ma l'altra cosa che condivide con i suoi predecessori è il vantaggio introspettivo e riduttivo che li ha resi così allettanti da rivisitare. In tal caso, anche se Matrix Resurrections ancora non si riunisce dopo averlo visto alcune volte, c'è ancora più che sufficiente per intrattenere gli spettatori mentre stanno decidendo.

Matrix Resurrections uscirà nelle sale e sarà disponibile per lo streaming su HBO Max a partire dal 22 dicembre.