By Erin Holloway

Recensione 'Lupin': un ladro gentiluomo cerca di risolvere un mistero, vendicare suo padre e curare la sua stessa famiglia

Il nostro verdetto

Una tragica storia di vendetta e redenzione è raccontata sapientemente attraverso i primi cinque episodi di questa serie francese su Netflix.

Per

  • 💎 Tutti amano una bella storia di rapina.
  • 💎 I colpi di scena generazionali di padre e figlio sono commoventi.
  • 💎 Un sacco di briciole di pane da seguire nella trama.

Contro

  • 🚨 Sai che funzionerà e tutto andrà bene. Probabilmente.
  • 🚨 I primi cinque episodi sono finiti troppo presto!

Le serie Netflix, in particolare quelle che appaiono magicamente nella sua lista dei primi 10, possono essere estremamente colpo e Perdere . Lupino — una serie in lingua francese di George Kay e François Uzan uscita a gennaio 2021 — è praticamente la prima. La serie è prevista per 10 episodi. Ora abbiamo i primi cinque e i secondi cinque dovrebbero scendere nell'estate del 2021.

Il succo è questo: Assane Diop (Omar Sy, da cui potresti ricordare Barry mondo giurassico ma di certo non lo farà dal suo piccolo roll-in X-Men: Giorni di un futuro passato ) è un ladro. Ma è anche quello che chiamereste un ladro gentiluomo, e uno che ha rispecchiato la sua vita dopo Arséne Lupin, un ladro gentiluomo in una serie di storie nate nei primi anni del 1900 dall'autore francese Maurice Leblanc. Diop e suo padre, Babakar, sono immigrati dal Senegal. Babakar ha lavorato come autista e assistente per un uomo ricco e potente, che alla fine ha accusato Babakar di aver rubato una collana un tempo di proprietà di Maria Antonietta, del valore di milioni. Babakar si è impiccato in prigione. E 25 anni dopo, Assane si propone di scoprire cosa è realmente accaduto e di vendicare la morte di suo padre.



Non è necessario conoscere le storie di Lupin (non lo ero) o conoscere affatto il francese (ne ho abbastanza per essere piacevole su un volo Air France) per godersi l'inferno di questa serie ed essere in trepidante attesa la seconda metà.

'> La serie Netflix 'Lupin' è basata sul personaggio del libro Arsene Lupin, Gentleman Burglar, dell'autore francese Maurice Leblanc. È un ladro che può uscire da ogni situazione. Ma soprattutto è un gentiluomo. Ora leggi il libro!

La serie Netflix 'Lupin' è basata sul personaggio del libro Arsene Lupin, Gentleman Burglar, dell'autore francese Maurice Leblanc. È un ladro che può uscire da ogni situazione. Ma soprattutto è un gentiluomo.

Visualizza affare

Ci sono buone probabilità che se hai visto il trailer di Lupin, l'hai visto doppiato in inglese. (Che è quello che ti stiamo dando sopra.) Ed è un peccato. Perché piace La rapina di denaro o Parassita , la lingua conferisce un ulteriore livello di profondità a ciò che stai guardando. Il personaggio Lupin era francese. Assane Diop è decisamente francese. Lo stesso vale per Omar Sy e ogni altro attore e personaggio nei cinque episodi finora. Sovraincisione Lupino in inglese fa sentire come un Ocean's 12 o uno spin-off di L'affare Thomas Crowne (e forse un po' di James Bond e Sherlock Holmes).

Ma questo non rende giustizia a nessuno. Lupin sta da solo qui.

Ed è per questo che siamo attratti dall'inizio, con una bella bidello di nome Perenna Luis che fa le sue faccende di bidello al Louvre. Ovviamente sta anche ricoprendo l'articolazione, ammirando l'opera d'arte. Ciò è particolarmente vero per la collana della regina, recentemente emersa circa 25 anni dopo essere scomparsa a seguito di un furto con scasso nel complesso della famiglia Pellegrini. Si credeva che la collana fosse stata rubata e smantellata. Ma ora che è stato trovato, verrà mostrato al Louvre per un paio di settimane e poi messo all'asta per finanziare una nuova Fondazione Pellegrini.

La collana dovrebbe ottenere qualcosa come $ 20 milioni. E Luis Perenna — che è l'anagramma di Arséne Lupin, se non l'avete già notato — ve lo ruberà. Va bene, perché Luis Perenna deve anche dei soldi ad alcune persone davvero sgradevoli, e ha appena dato ciò che aveva alla sua ex moglie, Claire (Ludivine Sagnier di Piscina) come alimenti e mantenimento dei figli. (Insieme a un fiore di origami piegato in modo intelligente e discreto, che ti mostra contemporaneamente lo stato attuale della loro relazione, oltre a dove è diretto.) Luis ha bisogno dell'aiuto degli scagnozzi per rubare la collana, e sono molto disposti a ottenere un taglio di quei 20 milioni di dollari.

Nel frattempo, iniziamo a ottenere il retroscena nei flashback. Babakar e Assane (che ora conosciamo in età adulta come Luis Perenna) sono visti a Parigi nel 1995. Babakar ha iniziato a lavorare come autista per Monsieur Hubert Pellegrini e vede Madame Anne Pellegrini (Nicole Garcia) avere problemi con la macchina sotto la pioggia. Non lo riconosce, però, e chiude immediatamente a chiave la porta, perché è un simpatico uomo di colore più anziano che si offre di aiutare e deve certamente essere una minaccia. Babakar spiega che ha appena iniziato come autista di suo marito, e poi lei lo riconosce.

Potresti forse attribuirlo al vedere qualcuno fuori contesto. L'abbiamo fatto tutti. Ma questo è il nostro primo assaggio delle questioni razziali (e degli immigrati) fin troppo realistiche che abbondano ancora oggi. E anche se non hanno un ruolo importante in Lupin, sono sempre indugianti. Sottile, ma molto presente. È simpatico, ma cosa vuole?

Babakar fa ripartire la decappottabile Volkswagen Rabbit e insiste affinché accompagni Madame a casa. Dopotutto è quello che fa. 'Sai cos'è tuo padre?' chiede ad Assane. 'Un gentiluomo.' E lei ha ragione. Fargass Assandé interpreta il personaggio in modo brillante. È un uomo che darà qualsiasi cosa perché suo figlio adolescente abbia una vita migliore, motivo per cui sono a Parigi per cominciare. È stanco del mondo ma lavora sodo. E introduce Asanne nel mondo di Arséne Lupin, ladro gentiluomo, e Asanne si innamora subito del personaggio.

Si vede immediatamente la relazione tra Babakar e Assane rispecchiata in Assane e in suo figlio adolescente, Raoul. Assane aveva più o meno la stessa età di Raoul quando lo vediamo incontrare per la prima volta la figlia Pellegrini Juliette (Clotilde Hesme). Sta sdraiato in piscina e fuma sigarette quando la giovane Assane si tuffa in acqua, autorizzata da Madamme a fare un tuffo. Chiede ad Assane se quello che ha 'sentito sui neri è vero: i neri non sanno nuotare?' Se si dimostra che si sbaglia, 'Ti bacerò. Un vero bacio. Non come quella di tua madre».

OK. Quindi forse quelle sfumature razziste non sono così sottili. E mettiamoci un po' di classismo per buona misura.

Assane dice che ovviamente sa nuotare. Si infila dentro e si avvia verso Juliette - e riesce a malapena a remare fino a lì. Riceve il suo bacio, però, il che non fa che peggiorare l'intera faccenda.

Immagine 1 di 12

Omar Sy nella serie Netflix

Omar Sy nella serie Netflix 'Lupin'.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 2 di 12

Ludivine Sagnier nel ruolo di Claire in

Ludivine Sagnier nei panni di Claire in 'Lupin' su Netflix.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 3 di 12

Etan Simon come Raoul e Omar Sy come Raoul

Etan Simon nei panni di Raoul e Omar Sy nei panni del padre di Raoul, Assane Diop, nella serie Netflix 'Lupin'.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 4 di 12

Omar Sy dentro

Omar Sy in 'Lupin' su Netflix.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 5 di 12

Vincent Garanger nel ruolo di Gabriel Dumont in

Herve Pierre nel ruolo di Hubert Pellegrini in 'Lupin' su Netflix.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 6 di 12

Soufiane Guerrab nel ruolo di Youssef Guedira in

Soufiane Guerrab nel ruolo di Youssef Guedira in 'Lupin' su Netflix.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 7 di 12

Clotilde Hesme nel ruolo di Juliette Pellegrini

Clotilde Hesme nel ruolo di Juliette Pellegrini in 'Lupin' su Netflix.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 8 di 12

Omar Sy nel ruolo del personaggio

Omar Sy nel ruolo del personaggio 'Paul Sernine' nella serie Netflix 'Lupin'.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 9 di 12

Shirine Boutella, Vincent Londez e Soufiane Guerrab sono i poliziotti alla caccia di oggi nella serie Netflix

Shirine Boutella, Vincent Londez e Soufiane Guerrab sono i poliziotti impegnati nella caccia ai giorni nostri nella serie Netflix 'Lupin'.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 10 di 12

Shirine Boutella nel ruolo del tenente Sofia Belkacem nella serie Netflix

Shirine Boutella nei panni del tenente Sofia Belkacem nella serie Netflix 'Lupin'.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 11 di 12

Soufiane Guerrab dentro

Soufiane Guerrab in 'Lupin' su Netflix.(Credito immagine: Netflix)

Immagine 12 di 12

Fargass Assanded come Babakar Diop e Herve Pierre come Hubert Pellegrini nella serie Netflix

Fargass Assanded come Babakar Diop e Herve Pierre come Hubert Pellegrini nella serie Netflix 'Lupin'.(Credito immagine: Netflix)

Questi flashback sono stati brillantemente inseriti nella storia attuale. Abbiamo questa scena orribile con Juliette mentre sta contemporaneamente scendendo i gradini del Louvre per mettere all'asta la collana. È ancora più sbalorditiva 25 anni dopo (è qui che comincio a pensare che forse i 25 anni di matematica non tornano, ma lascerò perdere) e Assane, seduto tra la folla, la osserva per tutto il tempo giù.

Tuttavia, non è lì come Assane. O anche come Luis Perenna. Ora è lì come Paul Sernine - sì, un altro anagramma di Lupin - e sta offrendo la collana come parte del piano per rubarla.

Questo inquadra il resto della prima metà di Lupin. Le cinque parti raccontano le proprie parti della storia, intrecciate con il contesto del passato e come tutti si adattano al presente. Asanne e Claire si sono incontrati a scuola dove lui era il nuovo ragazzo nero, immigrato, e lui l'ha salvata dalle avances indesiderate dei loro compagni di classe. L'ispettore della scomparsa originale dalla collana gioca un ruolo fondamentale nello scoprire la trama più ampia 25 anni dopo. Lo stesso vale per una giornalista che stava cercando di smascherare la famiglia Pellegrini un quarto di secolo fa, solo per fallire e perdere la sua carriera nel processo.

Tutto si riunisce nel quinto episodio, che si fa strada anche nella seconda metà di Lupin in arrivo in estate. Non siamo lasciati a desiderare, tuttavia. Ogni episodio è stato accuratamente bilanciato con l'esposizione e l'azione attuale. E mentre affronti l'intera faccenda con la consapevolezza che probabilmente tutto andrà bene per il nostro ladro gentiluomo Assane/Perenna/Sernine ogni volta che è in pericolo — questa è una serie, dopotutto, e nessuno ucciderà il protagonista — è ancora un bel giro. Tanto che vale la pena guardarlo una seconda volta, perché c'è molto da fare. A volte forse un po' troppo: ci sono molti personaggi nei due periodi di tempo e i nomi multipli di Assane non alleviano quella confusione. Ci sono le dinamiche familiari con i Pellegrini, e con Assane e Claire, e con Assane e Raoul. C'è l'anziano ispettore Dumont e i poliziotti più giovani che ora hanno il compito di trovare Assane e la collana. Juliette, forse, sta ancora indugiando.

E poi ci sono Assane e Monsieur Hubert Pellegrini. Una forza inarrestabile contro un oggetto immobile. A volte uno vince. Ma non sorprenderebbe se la collisione imminente provocasse distruzione per entrambi.

Lo scopriremo quest'estate quando le ultime cinque parti di Lupino gocciolare.

Articoli Interessanti