By Erin Holloway

Recensione 'Pizza alla liquirizia': più amore da ubriacone dal Paul Thomas Anderson

Il nostro verdetto

La capacità di Paul Thomas Anderson di scomporre la struttura cinematografica mentre offre una narrazione profondamente toccante rimane con questa storia d'amore adolescenziale.

Per

  • - Cooper Hoffman e Alana Haim catturano vividamente i sentimenti volubili del primo amore quando gli adolescenti navigano tra romanticismo e bandiere rosse
  • - La straordinaria fotografia di Anderson ricrea lo stile e le sensazioni del cinema degli anni '70 mentre un jukebox con radio AM esplode dietro il suo viaggio nella memoria

Contro

  • - Il titolo significa senza dubbio qualcosa di speciale per il regista, ma non si adatta bene al resto del film

Uno dei doni di Paul Thomas Anderson è quello di rappresentare relazioni che non funzionerebbero per nessuno tranne che per gli individui in esse e poi concentrarsi esattamente sul motivo per cui in qualche modo funzionano così bene per quei due. Ambientato nel 1973 sullo sfondo preferito di Anderson, la San Fernando Valley, Pizza alla liquirizia segue questo stesso schema esattamente nello stesso modo imprevedibile di ciascuno dei suoi primi film.

Pizza alla liquirizia racconta la relazione tra un'attrice adolescente sicura di sé e un'irrequieta assistente di una fotografa sui 20 anni mentre reagiscono alle mode, alla cultura e alla politica del tempo. Anderson applica la specificità di un scrittore di memorie allo studio del doppio personaggio mentre ricrea vividamente il periodo di tempo (e l'atmosfera del cinema degli anni '70), nei panni di Cooper Hoffman (figlio del compianto attore Philip Seymour Hoffman) e Alana Haim (della band Haim nel suo primo lungometraggio ) si scontrano e si uniscono in modi belli e toccanti.



Hoffman interpreta Gary Valentine, un attore di 15 anni che incontra Alana Kane (Haim), 25 anni, quando accompagna lui e i suoi compagni di classe durante la giornata del cinema al suo liceo. Fiducioso e inaspettatamente affascinante, Gary convince Alana ad uscire con lui, e iniziano un tenue corteggiamento nonostante la sua ripetuta insistenza sul fatto che sia troppo giovane per lei. Tuttavia, le aperture romantiche di Gary sembrano conquistare il suo affetto, anche se osserva da lontano Alana sviluppare un'attrazione per Lance (Skyler Gisondo), una delle sue costar leggermente più grandi. Ma un inaspettato scontro con la legge – e alcune divergenze ideologiche con Lance – avvicinano Gary e Alana più che mai.

Decidendo di collaborare in un'impresa di letti ad acqua, la coppia sperimenta alcuni elettrizzanti successi finanziari da giovani adulti, anche se il suo naturale istinto adolescenziale si scontra, a volte dolorosamente, con i ricordi del suo miglior giudizio. Ma dopo che Gary porta Alana da un agente di casting e lei inizia a provare un po' dell'eccitazione del mondo dello spettacolo - insieme agli altri rischi e opportunità dell'età adulta - i due sono costretti a considerare se la loro relazione sia effettivamente una storia d'amore o semplicemente civettuola, segnaposto volatile per gli obiettivi e le esperienze che derivano dalla vera crescita.

Come con i suoi primi film, il controllo di Anderson sulla struttura della narrazione sembra magistrale, paziente e singolare, esplorando scene a lungo che il pubblico non può prevedere in questo momento per guadagni più potenti di quanto si aspetti. Nonostante la vetrina delle sue celebrità narrative e metatestuali (Sean Penn nei panni di un brizzolato veterano di Hollywood tipo William Holden di nome Jack Holden; Tom Waits nei panni di un regista adeguatamente grandioso; e Bradley Cooper nei panni dell'eccentrico lotario dei parrucchieri e del vero potere di Hollywood giocatore Jon Peters), la storia si svolge in una delle ambientazioni più discrete del regista, oltre a forse Amore da ubriacone . Anderson proietta la relazione di Gary e Alana su una tela di iniziative imprenditoriali della Central Valley degli anni '70 e ristoranti locali in cui sono troppo giovani per essere clienti abituali ma in qualche modo lo sono, il tutto mentre navigano nella loro reciproca attrazione mentre vacilla tra la sua cotta adolescenziale e lei evasione della prima età adulta.

È quella giustapposizione che rende anche la relazione molto più interessante di una tipica storia d'amore adolescenziale o di una storia di formazione. Interpretato magnificamente da Hoffman nel suo debutto come attore, Gary è un ragazzo che ha avuto abbastanza successo e un assaggio dei privilegi di Hollywood che non solo gli ha dato una fiducia soprannaturale sul suo futuro, ma anche l'impulso a trovare più di quel successo ovunque e comunque possibile. Queste qualità formano un cocktail potente per inebriare Alana, soprattutto contro la noiosa noia del lavoro quotidiano del suo assistente fotografo e il suo status di subordinata come la più giovane di tre sorelle (le altre due interpretate dai suoi veri fratelli Haim e compagni di band). Sa che è meglio che uscire con un bambino di 10 anni più giovane di lei e ricorda a se stessa quella disparità anche quando nessun altro sembra accorgersene o preoccuparsene, ma la vita che lui offre sembra troppo piena di promesse ed eccitazione perché lei possa resistere.

Pizza alla liquirizia

Cooper Hoffman e Alana Haim in 'Pizza alla liquirizia'(Credito immagine: MGM)

Lavorando come direttore della fotografia, Anderson avrebbe utilizzato gli obiettivi della fotocamera che Gordon Willis (direttore della fotografia di Il Padrino ) aveva negli anni '70. Danno all'intero film una leggera morbidezza che ti ricorda Cattive notizie orsi , Polpette e Piccoli cari , un richiamo quasi subliminale a un'epoca e a uno stile che è passato da tempo ma che molti spettatori ricordano istintivamente, sia in celluloide che nella vita reale. C'è una sequenza in questo film con un camion in movimento mentre percorre le strade del canyon che sembra quella di William Friedkin Stregone , ma più tesa perché al volante ci sono un paio di adolescenti.

Ma utilizza questi set per evidenziare come i giovani amanti, anche quelli che resistono all'inevitabile attrazione, si legano attraverso atti di avversità, come un incontro con la legge, o in altri casi vedono la loro vita e le loro scelte in rilievo con il momentaneo divertimento che potrebbero condividere. Indipendentemente dal fatto che Gary e Alana stiano bene insieme, stanno bene l'uno per l'altro, fornendo ciò che non possono ottenere da nessun altro, anche se potrebbero non possedere mai il linguaggio (tanto meno la consapevolezza di sé) per dire ciò che è fuori ad alta voce.

In definitiva, se il titolo non riesce a catturare completamente o con precisione l'energia del film (tranne che come altro riferimento a un'istituzione di San Fernando riconoscerà solo una manciata di privilegiati), l'ultimo film del regista è comunque una delizia corroborante; vissuto e tuttavia spontaneo; emozionante ma anche meravigliosamente sottovalutato.

Come molti dei primi lavori di Anderson, Pizza alla liquirizia è innamorato del mezzo in cui è stato realizzato come della storia e dei personaggi al suo interno. Anche se il suo stile cinematografico di ritorno al passato si rivela un po' troppo eccentrico per i tuoi gusti, se c'è una cosa che Paul Thomas Anderson ha dimostrato di essere capace è che può raccontare una storia d'amore in cui crederai assolutamente, indipendentemente dal fatto che tu voglia o meno esserlo. una parte di esso.

Pizza alla liquirizia uscirà esclusivamente nelle sale il 26 novembre.

Articoli Interessanti