By Erin Holloway

Recensione 'Let Them All Talk': il film sulla crociera segreta di Soderbergh si basa su prestazioni solide

Il nostro verdetto

L'ultimo film di Soderbergh evita conflitti prevedibili per mettere in luce le vite di questi personaggi in un modo più sfumato e credibile.

Per

  • 📘 La rassicurazione di Streep a suo nipote dopo un rifiuto è così confortante che dovrebbe essere ripetuta ogni giorno come un mantra.
  • 📘 Le interpretazioni dell'intero cast danno a questi personaggi un vivido senso della realtà.

Contro

  • 📘 Lo studioso evitamento di Soderbergh di indulgere in drammi prevedibili di tanto in tanto priva il film di un conflitto più forte.

Steven Soderbergh dirige i film in modo così modesto che è facile dimenticare che sono suoi. Lasciali parlare tutti , il suo ultimo film, è stato girato principalmente a bordo di una nave da crociera per un periodo di due settimane con un cast che include Meryl Streep, Diane Wiest, Candice Bergen, Lucas Hedges e Gemma Chan, e l'unica cosa che suggerisce la sua presenza è il top-to -potenza della stella inferiore sullo schermo. Ma anche dopo aver minimizzato se stesso così a fondo che anche il dramma che iniziamo ad aspettarci rischia di ribaltare il cappello, Soderbergh offre un altro studio ponderato del personaggio che potrebbe venire solo da lui, elaborando i ritmi di una storia potenzialmente familiare con una pazienza e sfumature che costruiscono per un tranquillo, irresistibile scroscio di emozioni.

Streep ( Piccole donne ) interpreta Alice Hughes, un'acclamata autrice invitata in Inghilterra da New York per ricevere un prestigioso premio ma incapace di volare. Quando Karen (Chan), un agente del suo editore, le suggerisce di prendere una nave da crociera per arrivarci, Alice è d'accordo solo se può portare suo nipote Tyler (Hedges) e le due più vecchie amiche Roberta (Bergen) e Susan (Wiest). Alla ricerca di segreti sull'ultimo progetto di Alice, che spera sia un sequel del suo debutto vincitore del Pulitzer, Karen si stiva a bordo della nave e arruola Tyler come confidente per fornire dettagli sui suoi progressi e, se possibile, sui suoi argomenti. Ma anche se i due si avvicinano durante il viaggio, Roberta e Susan sono abbandonate a se stesse, coltivando i propri obiettivi per questa piccola riunione: Susan è ansiosa di riconnettersi dopo anni senza vedersi, mentre Roberta intende affrontare Alice per aver usato la sua vita travagliata anni fa come base del suo libro di maggior successo.



Mentre le tre donne si fanno strada attraverso conversazioni mondane nel frattempo e conflitti irrisolti che ribollono sotto la superficie, Tyler le osserva per avere informazioni sulle loro vite mentre naviga in un tenero corteggiamento con Karen che non è sicuro che lei ricambia. Ma dopo la scoperta di un uomo misterioso (John Douglas Thommpson) che lascia la cabina di Alice per diverse mattine di seguito, e il gruppo incontra un altro autore di best-seller (Dan Algrant) con vendite maggiori e meno pretese, il loro viaggio inizia a prendere una piega peso e un'urgenza con cui non è iniziata, poiché Alice spera di completare il suo nuovo romanzo, riconciliarsi con i suoi amici separati e accettare un premio che potrebbe convalidare i compromessi (e sacrifici) che ha fatto lungo la strada.

Stranamente, di tutti i film di Soderbergh è quello Lasciali parlare tutti mi ricorda di più, probabilmente lo è magico Mike , che prende un argomento diverso ma ugualmente saponoso e minimizza o in qualche modo scolpisce tutte le sue deviazioni drammatiche più ovvie. Entrambi canticchiano con una tranquilla sicurezza e si rifiutano di lasciare che i momenti si trasformino in finzione cinematografica, dopo aver creato personaggi che dovrebbero essere più grandi della vita (Alice di Streep, Dallas di McConaughey), ma lui insegna ai loro attori a recitare in modo assolutamente credibile. Alice trasuda l'intelletto di disapprovazione di un bibliotecario e l'interpretazione filosofica del mondo da parte di un artista, essendo sinceramente raggiante del miracolo di un autore dimenticato che considera brillante quanto spietato riguardo alla creatività di uno che considera un hacker, e Streep cattura questa dimensionalità con la sua tipica disinvoltura . Parole tenere come quelle che Alice usa per confortare Tyler dopo un rifiuto, ad esempio, sono abbastanza poetiche e floride da essere degne di un mantra quotidiano; ma la isolano anche dall'immediatezza degli amici che ha lasciato quando stanno cercando di parlare dei dettagli banali delle loro vite, o, francamente, di quasi tutto ciò che non è correlato alla sua scrittura.

Come le sue controparti, Bergen e Wiest sono chiari e brillanti nei loro ruoli, barattando leggermente sulla familiarità delle performance passate ma aggiungendo dettagli meravigliosi e sofisticati alle loro caratterizzazioni. Wiest appare sempre sullo schermo come la persona più compassionevole e delicata che tu abbia mai visto, ma nei panni di Susan è uno sputo segreto, che rivela legami giovanili e lampi di una sua immaginazione diabolica anche se reagisce ai peccatucci dei suoi amici con preoccupazione di una nonna. Alternativamente disperata, amareggiata e con gli occhi lucidi, Bergen ha riposto le ultime speranze in questa riunione per riparare una vita lasciata nel caos sia dal suo stesso comportamento che dal libro che l'ha esposta al mondo. Se non puoi mantenere un segreto tu stesso, non puoi chiederlo a nessun altro, riconosce, prima di ammettere che vuole che Alice la retribuisca non solo per le trasgressioni passate, ma anche per quelle future.

Allo stesso tempo, il film non insiste mai su questi conflitti poiché i personaggi cambiano i loro livelli di sensibilità giorno dopo giorno; Roberta annuncia a Susan che ha intenzione di affrontare Alice, ma continua a rimandare o riprogrammare esattamente come potremmo se fossimo riluttanti ad affrontare un simile accumulo nella vita reale. A volte la somma totale di queste fastidiose frustrazioni non raggiunge un livello sufficiente per commuovere veramente lo spettatore, ma per parafrasare una banalità particolarmente superficiale, con questo film è il viaggio che stai seguendo e non la destinazione. Il fatto che Soderbergh ogni tanto lo giri con gli stessi ritmi jazz dei suoi Oceano film (e arruola Thomas Newman per creare una colonna sonora che sia in parti uguali rapina e mistero di omicidio) offre solo una leggera spinta verso la conclusione non sorprendentemente potente ma sottovalutata della storia.

In definitiva, questo film sembra più che parla di ciò che è non lo è scavare in quello che è: non si tratta del modo in cui il successo di una donna ha definito tre vite; non si tratta del processo creativo di una persona il cui successo passato incornicia ogni lavoro futuro; non è nemmeno uno specchio che riflette due epoche di amicizia, filtrata attraverso le controparti più giovani che assistono alla resa dei conti del trio con la storia. (Detto questo, potrei probabilmente guardare Chan e Hedges avanzare verso l'intimità emotiva l'uno con l'altro in stanze diverse di una nave da crociera tutto il giorno e la notte.) E così, Lasciali parlare tutti è un titolo perfetto per questo bene — e forse solo abbastanza buono — film: permette a questi personaggi di esistere senza vernici e di mostrarsi sullo schermo, senza manipolarci per abbracciarli o incriminarli. Potrebbero esserci storie nel 2020 che sono più toccanti, o focalizzate, o hanno più da dire, ma se sei bloccato a casa, ci sono modi peggiori per passare il tempo che fare una crociera con questo cast, specialmente con Soderbergh come suo la direttrice.