By Erin Holloway

Recensione di 'Last Night in Soho': Costruire intrighi ti porta solo così lontano

Il nostro verdetto

'Last Night in Soho' gioca sfacciatamente con i commenti femministi che non coglie completamente.

Per

  • - Ottima base nel primo atto
  • - Le scene dell'orrore sono ben messe in scena
  • - Edgar Wright continua ad essere uno stilista visivo coinvolgente

Contro

  • - I colpi di scena minano il nucleo tematico del film
  • - La protagonista perde il suo arco narrativo da qualche parte lungo la strada
  • - Non è chiaro cosa, se non altro, il film stesse effettivamente cercando di dire

Edgar Wright è un regista visivamente talentuoso, non c'è dubbio, quindi ha senso essere entusiasti del suo ultimo passaggio dalla commedia all'horror senza ironia con Ieri sera a Soho . Per molti aspetti, Wright sa come mantenere la promessa di un'ossessione infusa con lo stilismo del pop britannico vintage e della vita notturna londinese degli anni '60, realizzando scene che affrontano direttamente il ventre oscuro di una scena dominata da colori sgargianti e belle ragazze. Ma sotto la sottile patina di colpi di scena e falsi commenti sociali c'è un film incredibilmente privo di significato, una storia così totalmente impegnata a costruire intrighi che le sue ultime rivelazioni sono allo stesso tempo vuote e contraddittorie, forse mirando alla complessità morale ma alla fine cade in una trappola per investire più energia nello sviluppo dell'atmosfera che nel risolvere la sua storia in modo emotivamente soddisfacente.

È un peccato, dal momento che il primo atto è promettente al punto che sembra quasi appartenere interamente a un altro film. Mentre la topa ragazza di campagna Ellie (Thomasin McKenzie) segue i suoi sogni da college per studiare moda a Londra, scopre che l'atteggiamento moderno e spietato dei suoi compagni di classe non si sposa con il suo amore senza pretese per l'estetica pop degli anni '60, mentre gli abitanti maschi della sua nuova i locali urbani sono inquadrati come invadenti maligni dello spazio personale. Questo porta Ellie a cercare un alloggio fuori dal campus in una stanza in stile retrò affittata dall'anziana Miss Collins (Diana Rigg). Ma mentre l'insegna al neon fuori dalla finestra del suo loft lampeggia, i suoi sogni serali scivolano verso la fine degli anni '60 mentre segue l'ascesa della cantante di nightclub Sandie (Anya-Taylor Joy), guardando dall'altro lato del riflesso di Sandie mentre viene sedotta da il suo manager, Jack (Matt Smith).



Questo lascia il posto a Ellie che tenta di emulare la moda di Sandie ai giorni nostri, fornendo un modello per le sue creazioni di abbigliamento e un nuovo senso dello stile più urbano. Ma mentre la carriera propulsiva di Sandie inizia a diventare molto più sfruttatrice delle prime apparizioni, anche la vita di Ellie inizia a fondersi e fondersi con gli orrori del passato. Questo è sia simbolico, poiché un anziano gentiluomo (Terence Stamp) si interessa molto alla ritrovata fiducia di Ellie in un modo che potrebbe suggerire una familiarità condivisa con il passato di Sandie, sia estremamente letterale, poiché i fantasmi del passato frantumano la realtà tra Le vite oniriche e sveglie di Ellie, forzando allucinazioni orribili che rispecchiano le profondità oscure della caduta in disgrazia di Sandie.

Anche: Come guardare 'Last Night in Soho'

È in questi momenti di orrore soprannaturale che il film brilla di più, mentre figure mutevoli e senza volto si insinuano lungo i vicoli laterali e le pile di biblioteche come un'orda di stalker, ripulite dall'identità al di là della loro indubbia intenzione di fare del male e del loro anonimato all'interno della folla cittadina. Le rapide scene dell'orrore di Wright sono incredibilmente efficaci, anche se forse meno quando si appoggia pesantemente alle contorsioni delle immagini psichedeliche, il che rende ancora più frustrante il fatto che la parte posteriore del film aumenti la tensione a scapito del suo nucleo emotivo.

Ellie diventa sempre più una non figura nel suo stesso film, agendo semplicemente come un contenitore per il mistero finale di ciò che è successo a Sandie senza mai legarsi completamente al suo desiderio finale di essere una stilista. Per quanto Ellie sia affermata come una naïf ossessionata dalla nostalgia la cui ossessione per il passato è forse un po' troppo rosea, non si traduce mai nel culmine di un arco narrativo, soprattutto perché l'epilogo del film lega un nastro troppo preciso a una storia che altrimenti stato abbastanza disordinato per lei. Il messaggio inteso potrebbe essere che lei - e per estensione, noi - si è evoluta al di là di alcune atrocità del passato che è meglio lasciare sepolte, ma la sceneggiatura di Wright è così sbiadita su dove risiede il suo centro morale che è difficile dedurre che Ellie ha tolto ogni apprezzabile crescita alle sue tribolazioni.

Ciò viene solo ulteriormente esacerbato dalla nozione alquanto bizzarra del film di commento sullo sfruttamento delle donne, che sciocca così tanto per il bene di alcuni importantissimi colpi di scena narrativi che non riesce a dire nulla di coerente. La natura accresciuta dell'ossessione si presta a una sorta di moralismo didattico che il film all'inizio sembra pronto a portare avanti, ma mentre la natura dell'ossessione si chiarisce da sola, il messaggio diventa così confuso che è difficile dire che abbia una sorta di prospettiva sul patriarcato piuttosto che dire che la violenza perpetrata contro qualcuno è un male. Uno dei momenti rivelatori del climax è un soffio da una dichiarazione esplicita che anche gli stupratori hanno dei sentimenti, che potrebbero essere una ripresa troppo sfumata per infilarsi in pochi secondi da appendici mortali che rompono il pavimento per trascinare la nostra eroina all'inferno.

Ieri sera a Soho , più di ogni altra cosa, è un esercizio di frustrazione. Il primo atto è così forte, ti prepara per un film che esplora l'evoluzione dell'aspirazione urbana femminile in un intervallo di 50 anni, forse togliendosi gli occhiali della nostalgia per mostrare che le cose non erano più rosee per le donne di quanto lo siano ora. Ma semmai, il film postula quasi il contrario, enfatizzando così tanto gli orrori del passato da non riuscire a tracciare un confine con il presente e, attraverso l'omissione, implica che l'oppressione patriarcale rimanga radicata nel passato.

Alla fine, non importa quanto sia intelligente il tuo mistero o quanto siano buone le tue paure di salto se la tua storia si aggrappa a un punto più ampio. Non tutte le storie devono impegnarsi in quel tipo di conversazione culturale, ma Ieri sera a Soho sta giocando così palesemente con i commenti femministi che non si rende pienamente conto che diventa tristemente evidente quando gli strati vengono strappati via per il bene del valore scioccante. C'è una ragione per cui le passerelle impiegano le modelle per sfoggiare abiti firmati: un manichino non renderà mai giustizia alla graziosa raffinatezza che merita.

Ieri sera a Soho uscirà nelle sale il 29 ottobre.

Articoli Interessanti