By Erin Holloway

Recensione 'Jungle Cruise': un'avventura sfrenata come facevano una volta

Il nostro verdetto

La chimica senza sforzo dei due protagonisti eleva un gioco di alto concetto a qualcosa di veramente speciale.

Per

  • 🌿 L'azione e l'avventura sono divertenti e fantasiose.
  • 🌿 Emily Blunt e Dwayne Johnson hanno così tanto carisma e chimica da essere ipnotici.
  • 🌿 Jesse Plemons è il cattivo e lo adoriamo per questo.

Contro

  • 🌿 Il personaggio di Jack Whitehall sembra una terza ruota.
  • 🌿 'Nothing Else Matters' dei Metallica è in primo piano per qualche motivo. Bella canzone, ma estremamente distraente in questo particolare film.

A rischio di sembrare l'anziano che stringe il pugno al cielo, sicuramente non avremo film d'avventura come una volta. Alcuni dei film più amati della fine degli anni '90 e dei primi anni 2000 erano filati svolazzanti tempestati di stelle, come il film del 1999 La mummia e del 2003 pirati dei Caraibi , essi stessi ritornano a artisti del calibro di indiana Jones e le avventure dell'età dell'oro di Errol Flynn. Da qualche parte lungo la linea, questo tipo di divertimento puro è andato fuori moda, ma per fortuna Crociera nella giungla è qui per riaccendere questo stile di regia, portando l'immenso carisma di Dwayne Johnson ed Emily Blunt al servizio di una storia che abbraccia le origini dell'attrazione del parco a tema e offre il tipo di spettacolare filato di avventura che potrebbe tornare in auge.

Nel 1916, la scienziata Lily (Emily Blunt) e suo fratello MacGregor (Jack Whitehall) sono alla ricerca di una pianta mitica chiamata The Tears of the Moon, che si presume si trovi solo in una parte remota e sconosciuta del Rio delle Amazzoni e che possieda il capacità mitica di curare qualsiasi malattia. Chiedono l'aiuto di Frank (Dwayne Johnson), un capitano di battello fluviale che offre ai turisti tour in barca deludenti mentre pronuncia giochi di parole così cattivi che i suoi passeggeri lo implorano di fermarsi. Frank conosce il fiume meglio di chiunque altro e ha un disperato bisogno del denaro che Lily offre per i suoi servizi, ma trova difficile fidarsi dell'entusiasmo di Lily per la scoperta, mentre Lily non riesce a scrollarsi di dosso la sensazione che ci sia di più in Frank oltre al suo parlare veloce, auto- persona al servizio.



Le migliori offerte Disney+ e Disney+ Bundle di oggi Disney Mensile Disney+ $ 7,99/mese Visualizzazione Disney Disney+ annuale $ 79,99/anno Visualizzazione Disney Pacchetto Disney+ $ 13,99/mese Visualizzazione

L'avventura mette il trio contro i pericolosi pericoli delle rapide del fiume, le macchinazioni di un pazzo principe tedesco (interpretato da un meravigliosamente eccentrico Jesse Plemons) che cerca di prendere per sé la mistica pianta e una banda di 400 anni maledetti dal fiume conquistadores condannati a vivere in forme come uno skinbag senziente pieno di serpenti, o un nido d'ape vivente, api e tutto il resto. I calci piazzati sono fantasiosi, la posta in gioco è alta ma mai così terribile da far perdere il loro senso di gioia e meraviglia, e Crociera nella giungla tende davvero ad essere uno spettacolo sopra ogni cosa. Il regista Jaume Collet-Serra, inietta la sua esperienza d'azione dai thriller di Liam Neeson e alcuni elementi horror leggeri che ricordano i suoi primi anni di carriera, ma il tutto al servizio di una commedia d'azione ad alto budget che sembra progettata per piacere alla folla senza assecondare esplicitamente .

Ma tutta la competenza tecnica e l'ingegnosità generata dal computer non varrebbero molto senza uno straordinario lavoro di carattere a sostegno, e questo è il nucleo di Crociera nella giungla appello. C'è innegabile esuberanza nel vedere Emily Blunt pavoneggiarsi come un'esploratrice determinata, riluttante ad ammettere quando è sopra la sua testa, tanto quanto vedere Dwayne Johnson portare il suo fascino casual a un truffatore con motivazioni misteriose. Il loro giocoso antagonismo è una rivolta perpetua, sia in termini di dialoghi scritti che di chimica comica naturale, incarnando personalità straordinarie che ci fanno entrare in empatia con loro tanto quanto ci fanno ridere.

L'anello debole è, sfortunatamente, Jack Whitehall, e il film sembra riconoscerlo senza necessariamente sapere cosa fare con lui. La performance di Whitehall non è priva del suo fascino umoristico, ma lo scopo narrativo principale di MacGregor è quello di essere un contrappunto effeminato ed elegante alla sua sorella più mascolina, che indossa i pantaloni, uno scherzo che si stanca rapidamente finché MacGregor non viene tranquillamente trascinato sullo sfondo di la maggior parte delle scene. Il ribaltamento dello stereotipo di genere viene messo a fuoco in modo ancora più nitido con la rivelazione che MacGregor è gay e vittima di discriminazione istituzionale, che da un lato è almeno un'esplorazione in qualche modo esplicita dell'identità queer in un film Disney, sebbene la parola 'gay ' è frustrantemente mai effettivamente pronunciato, ma d'altra parte è incarnato in un personaggio che è quasi totalmente estraneo. Si immagina che a un certo punto sia stato concettualizzato come un personaggio comico per ruoli più seri, ma le personalità travolgenti di Blunt e Johnson sono più di quanto Whitehall possa tenere il passo, lasciandolo in gran parte rudimentale. Un giaguaro CGI supporta meglio la dinamica di Blunt e Johnson senza pronunciare una sola riga di dialogo.

Ci sono anche alcuni cavilli tecnici che meritano di essere menzionati, nonostante l'efficacia del filmmaking sia altrimenti. Alcuni scatti con effetti sono esplicitamente realizzati per essere visualizzati in 3D, scattando verso la telecamera con tutta la sottigliezza di un dardo che vola sul tuo viso, e l'effetto è più finto che eccitante. Anche il punteggio è un po' scarso, mirando all'epico ma non è affatto generico senza un nuovo hook per elevare i ritmi d'azione al livello successivo. La cosa più vicina alla musica che si avvicina a un tema memorabile è la bizzarra inclusione di una versione orchestrale rielaborata di Nothing Else Matters dei Metallica, una scelta così strana che la sua distrazione supera qualsiasi novità.

Questi difetti non prevengono Crociera nella giungla dall'essere un vero spasso, però. Questo è il tipo di film che era l'incarnazione del cinema di successo, un'avventura sciocca e esagerata con personaggi che si divertono tanto a esplorare l'ambiente circostante e l'un l'altro quanto tu li guardi. La chimica senza sforzo dei due protagonisti eleva un gioco di alto concetto a qualcosa di veramente speciale, e possiamo solo sperare che eventuali imitatori imparino le giuste lezioni.

Crociera nella giungla uscirà nelle sale e Disney+ Premier Access il 30 luglio 2021.

Articoli Interessanti