By Erin Holloway

Recensione 'Home Sweet Home Alone': una tradizione festiva che la Disney dovrebbe lasciar morire

Il nostro verdetto

Nonostante il pedigree dei comici sullo schermo e dietro le quinte, questo è un film che è meglio guardare solo dai bambini quando sono a casa da soli.

Per

  • - Anche se i suoi 90 minuti di durata sembravano ancora interminabili, almeno il film è piuttosto breve

Contro

  • - Cercare di rendere tutti comprensivi o 'compresi' nelle loro motivazioni è stato un errore poiché stiamo guardando le persone picchiate e maltrattate entro un centimetro dalle loro vite
  • - La sceneggiatura di Mikey Day e Streeter Seidell mette completamente da parte la linea emotiva dell'idea originale dando alla madre del bambino Carol (Aisling Bea) zero ostacoli per tornare da lui, tranne il cambio di fuso orario durante un volo attraverso l'Atlantico

Casa dolce casa da solo è un film che vuole avere la sua torta e anche infornare un'incudine da far cadere sulla testa di un adulto, un barometro forse inaspettato per quanti abusi fisici una persona reale può o dovrebbe subire in nome della narrazione comica. La sua argomentazione è che la soglia è molto alta, come se ciò che Kevin McAllister ha fatto ai Wet Bandits nel 1990 fosse una pittoresca dimostrazione di autodifesa e ora siamo a un punto in cui i presunti trasgressori dovrebbero essere sbranati, mutilati o paralizzati con pregiudizio estremo. Ma il 2021 è anche un'era in cui sia i buoni che i cattivi devono ricevere motivazioni comprensibili, possibilmente comprensive, quindi non puoi semplicemente avere personaggi che sono ladri con la T maiuscola o persino complottisti di livello Wile E. Coyote, il che lo rende più difficile vederli strozzarsi più e più volte da un bambino di 10 anni.

Tutto ciò per dire che il sesto (!) film del A casa da solo franchise è uno slog insopportabile, un esercizio atroce di commedia fisica che potresti o meno essere sorpreso di scoprire che il regista di Nonno sporco non ha iniettato la stessa dolcezza o umanità che ha reso l'originale un favorito per le vacanze così durature.



Sebbene Jojo Coniglio Il co-protagonista Archie Yates interpreta in modo più che adeguatamente adorabile il bambino rimasto indietro di Macaulay Culkin, Ellie Kemper e Rob Delaney non sono all'altezza del compito di bilanciare la vulnerabilità simultanea della classe media dei loro personaggi e la disperazione malvagia come sceneggiatura di Mikey Day e Streeter Seidell cercano di estrarre l'umorismo da uno scenario che avrebbe potuto essere risolto se una delle parti si fosse fermata letteralmente per cinque secondi per avere una conversazione.

Yates interpreta Max Mercer, un ragazzo lasciato a casa da solo quando la compagnia aerea che trasporta lui e la sua famiglia allargata a Tokyo per le vacanze riprenota il gruppo su due aerei diversi, costringendo sua madre Carol (Aisling Bea) a lasciare il paese senza preoccuparsi di controllare lui o, a quanto pare, anche dire addio. Poiché odia i suoi parenti americani - una sensazione comprensibile dal momento che suo zio Blake (Pete Holmes) gestisce i propri figli come se stesse allevando gatti - Max inizialmente è felice di stare da solo; entro cinque minuti dalla scoperta che tutti se ne sono andati, saccheggia ogni armadietto, armadio e ripostiglio per cose da mangiare, giocare o guardare che non gli sarebbe permesso sotto la supervisione di un adulto. Ma anche se sua madre scopre la sua assenza nel resto della stanza d'albergo della famiglia a Tokyo, rendendosi conto non solo che non ha un telefono con cui contattarlo, ma anche che il loro recente trasferimento dal Regno Unito significa che non si sono incontrati. nessuno dei loro vicini, la solitudine si instaura e Max inizia a struggersi per i parenti di cui era felice di essersi sbarazzato solo cinque minuti prima.

Nel frattempo, dall'altra parte della città, il disoccupato informatico Jeff Fritzovski (Rob Delaney) e sua moglie Pam (Ellie Kemper) stanno ricevendo offerte dall'agente immobiliare locale Gavin Washington (Kenan Thompson) per vendere la loro casa dopo che le loro finanze combinate non possono più pagare il mutuo - almeno fino a quando Jeff scopre che una vecchia bambola che ha ricevuto da sua madre come cimelio di famiglia vale diverse centinaia di migliaia di dollari e potrebbero venderla per saldare i loro debiti. Attraverso una serie di eventi improbabilmente contorta, Jeff si convince che Max ha rubato la bambola e decide di marciare verso la casa dei Mercer e chiederne il ritorno, ma arriva in tempo per vedere la famiglia del ragazzo partire per le vacanze, un grosso problema dal momento che devono decidere entro Capodanno se accettare o meno l'unica offerta che hanno ricevuto per la loro casa. Dopo aver scoperto che Max è davvero a casa da solo, Jeff escogita con riluttanza un piano con Pam per entrare in casa e recuperare la bambola; basti pensare che il ragazzo decide di proteggere la sua casa di famiglia e fermare le persone che pensa siano ladri, portando a un'escalation di battaglia per il possesso della bambola che i Fritovski credono che Max abbia.

Come Kevin McAllister di questo film, Archie Yates è carino almeno quanto lo era Macaulay Culkin tre decenni fa, e allo stesso modo sa come cavalcare la linea sottile tra l'essere un mascalzone e un mostro odioso. Il problema è che lo script non sa come farlo. Quindi, oltre a portare il personaggio attraverso tutte le battute del primo film di esaudire i desideri ai bambini irrequieti, ricordando loro quanto gli mancherebbero davvero i loro genitori se avessero sostituito Max in quello scenario, a Max viene assegnato un livello di Generale Patton capacità di strategia difensiva che probabilmente gli farebbe guadagnare un'approfondita valutazione psicologica se non un rapido viaggio in carcere minorile se qualcuno di questi eventi si fosse effettivamente verificato nella vita reale.

Il Kevin di Culkin era sicuramente un po' di QI. punti più intelligenti della media di 10 anni, ma la maggior parte delle tattiche che usava per spaventare gli invasori domestici sembravano almeno improvvisazioni o nozioni che lo spaventavano (come la riproduzione di Angels With Filthy Souls) che si rivolgeva alle sue controparti adulte . Qui, in brevissimo ordine, Max trucca l'intera casa con trappole esplosive folli (e follemente violente) che non si limitano a dissuadere Jeff e Pam dal rinunciare alla loro missione, ma li picchiano, bruciano, pugnalano e prendono a pugni a un'intensità che farebbe sentire eccessivo in a Tom e Jerry cartone animato. Detto questo, potresti pensare che i due adulti in questa situazione, che non solo non sono ladri di mestiere, ma si prendono cura delle persone con i propri figli, potrebbero cercare di risolvere la situazione in altri modi, ad esempio suonando il campanello per vedere se qualcuno è in casa prima di decidere di irrompere e rubare la loro proprietà, ma ti sbaglieresti, anche se gli sceneggiatori Day e Seidell probabilmente affermerebbero di aver almeno tentato di trovare ostacoli per impedirgli di farlo.

Nel frattempo, il film minimizza quasi del tutto l'estremità opposta di quello che era il conflitto emotivo centrale dell'originale A casa da solo , che è il frenetico tentativo della mamma di Max di tornare a casa da suo figlio. Nel primo film, Kate, interpretata da Catherine O'Hara, chiede l'elemosina, prende in prestito e ruba per trovare un modo per tornare da suo figlio; qui, Carol di Aisling Bea sale sul prossimo volo di standby da Tokyo e deve fare i conti con gli orrori di una compagna di posto che dorme sulla sua spalla. Ma anche se la polizia locale in questo aggiornamento è impersonata dal fratello sullo schermo di Culkin Devin Ratray, qui riprende il suo ruolo di Buzz (e fornendo qualche depistaggio come l'ufficiale incredulo che in qualche modo pensa che qualcuno stia attivando allarmi di sicurezza domestica come scherzo omaggio alle esperienze del fratellino, di cui praticamente nessuno di loro potrebbe essere a conoscenza), come e perché Carol non avrebbe contattato le autorità locali per almeno passare a casa per controllare suo figlio mentre è isolato nella periferia di Chicago?

È una delle tante domande apparentemente ovvie che la sceneggiatura non solo non riesce a porre, ma spiega perché non lo ha fatto. Il regista Dan Mazer non ha l'abilità o la sottigliezza per oscurare sia suscitando buone interpretazioni da un cast sorprendentemente pedigree o facendo sembrare i dirottamenti di pratfall tanto divertenti quanto dolorosi.

Se Kemper è diventata sempre più unidimensionale come interprete da quando ha fatto la sua svolta L'ufficio , non aggiunge nulla di nuovo al suo repertorio interpretando questa folletta irritabile Pam. Dopo essersi sentito in precedenza come il turno più degno di nota di Delaney è stato quello del supereroe intervistato Peter Deadpool 2 , sembrerebbe che meno, molto meno, sia di più con lui sullo schermo. Popolare il resto del cast di supporto con abili comici di livello medio come Thompson, Holmes, Timothy Simons, Ally Maki, Chris Parnell e Jim Rash probabilmente sembrava una buona idea durante la pianificazione del film, ma quasi tutti sono più preziosi come distrazioni dalla trama che come motori per spingerla avanti, quindi di conseguenza la maggior parte dei loro talenti viene sprecata.

Poi ancora, come un 14enne al momento dell'uscita del primo A casa da solo , forse ho semplicemente ceduto a un certo grado di simpatia per gli adulti intrappolati nel percorso del protagonista sociopatico preadolescente della serie, o anche solo a un disgusto da Paperone per la sua violenza da cartone animato. E per essere onesti, questo film veramente e deliberatamente non è stato fatto per me. Ma ci sono semplicemente troppe persone realmente talentuose coinvolte Casa dolce casa da solo essere così pessimo, e se il materiale di questo film fa parte di una tradizione che in qualche modo qualcuno crede debba essere coltivata se non come foraggio per la superficiale familiarità che deriva dalla proprietà intellettuale, allora forse è meglio andarsene semplicemente bene abbastanza da solo del tutto.

Home Sweet Home Alone è disponibile per lo streaming su Disney Plus a partire dal 12 novembre.