By Erin Holloway

Recensione 'Fondazione' 1.4: Barbari alle porte

Il nostro verdetto

Un rapido episodio di 'Foundation' restringe efficacemente il suo focus, anche se rimangono domande sulla premiere.

Per

  • - La performance di Leah Harvey nei panni di Salvor Hardin è finora un punto di forza
  • - L'equilibrio tra le trame di Trantor e Terminus è gestito bene
  • - Rivedere Gaal, anche se brevemente, è incoraggiante

Contro

  • - L'uso di uno dei membri regolari del cast, in un ritorno a sorpresa, è esasperante
  • - La mancanza di risposte sulle principali domande di questo programma è frustrante
  • - Per quanto sia bello lo spettacolo, il dramma al suo interno rimane leggermente senza vita

Iniziamo oggi Fondazione recensione parlando di crediti di apertura. C'era un tempo, ai tempi della TV di rete, in cui semplicemente guardare l'elenco delle guest star accreditate in un determinato episodio di TV poteva finire per rovinarti su una possibile apparizione a sorpresa in un programma televisivo tortuoso. Episodi di Perduto finì per stuzzicare l'arrivo dell'Uomo in Nero o di Richard Alpert o di molti altri semplicemente affermando che Titus Welliver o Nestor Carbonell erano tra gli ospiti del cast di quella settimana, informazioni solitamente fornite nei primi minuti di un episodio anche se quelle apparizioni non lo erano fino alla fine di detto episodio.

C'è un trucco abbastanza facile, ovviamente: blocca quella parte inferiore dello schermo con la mano in modo da non essere viziato. Ma mostra come Fondazione (e non è solo questo spettacolo) hanno stravolto le cose facendo applicare questo problema anche al cast regolare. Se hai seguito questo adattamento di Isaac Asimov, allora sai che la premiere di due episodi si è conclusa con lo scioccante omicidio di Hari Seldon, il controverso matematico le cui previsioni psicostoriche di rovina e oscurità per l'umanità lo hanno esiliato nell'Outer Reach della galassia. È scioccante non solo perché Hari è stato una parte fondamentale dello spettacolo finora, ma perché è interpretato da Jared Harris, probabilmente l'attore più famoso del cast regolare. Quindi il terzo episodio ha comprensibilmente rimosso Harris dai titoli di testa: Hari è morto, giusto? Perché il suo nome dovrebbe essere più nel cast?



Ah, ma c'è il problema, perché prima ancora che si verificasse qualsiasi azione nell'episodio di questa settimana, Barbarians at the Gate, il cui nome compare per primo nei titoli di testa? Perché, di Jared Harris. È una cosa sbalorditiva da vedere, tanto più considerando quanto poco dell'episodio in cui appare Hari. Sì, Hari Seldon compare in questo episodio, ma il modo in cui lo fa è quasi ridicolo: ecco perché Jared Harris ottiene un credito? Tutto ciò che Hari fa è apparire tramite un flashback registrato, durante il processo dalla prima metà della prima in cui ha avvertito i fratelli Dawn, Day e Dusk (rispettivamente Cassian Bilton, Lee Pace e Terrence Mann) sui pericoli di ignorare i suoi avvertimenti. Harris appare per non più di 30 secondi, ma ehi, ottieni quella fatturazione migliore.

Entrano Lee Pace e Terrence Mann

Lee Pace e Terrence Mann in 'Fondazione'.(Credito immagine: Apple TV+)

Barbarians at the Gate continua nel percorso dell'episodio precedente, Il fantasma del matematico , in due modi: in primo luogo, continua a non fornire alcuna chiarezza sul motivo per cui il figlio adottivo di Hari, Raych (Alfred Enoch), lo ha ucciso o ha incastrato la nostra narratrice Gaal Dornick (Lou Llobell) mentre la mandava in luoghi sconosciuti tramite la capsula di salvataggio. Ma forse in modo un po' più incoraggiante, l'episodio segue le storie chiave che l'ultimo episodio ha lasciato in sospeso. Da un lato, abbiamo i tre fratelli su Trantor, incluso l'adolescente Brother Dawn che cerca di comprendere meglio la sua identità e cosa significa essere un clone che apparentemente non può morire per molto tempo. Dall'altro, seguiamo il cliffhanger su Terminus in cui il suo direttore, Salvor Hardin (Leah Harvey), viene assalito da un gruppo di Anacreon, che si sono recati lì illegalmente.

Su Trantor, la situazione reale è che tutti e tre i fratelli stanno cominciando a logorarsi un po' ai margini. Iniziamo con Brother Dawn che apparentemente cerca di uccidersi: salta con calma da una finestra alta, solo per essere fermato a terra dal campo di forza essenziale che lo circonda in modo che nessuno possa effettivamente toccarlo. (È un campo condiviso da tutti e tre i fratelli, come vediamo quando il fratello Day riceve la visita di una bella donna incaricata di gestire i suoi... bisogni sessuali, solo per scoprire che non può toccarlo, nemmeno il suo braccio.) Fratello Dawn viene avvistata nel suo tentativo da una giovane donna, Azura (Amy Tyger), che lavora nel parco del castello dove vive il trio di imperatori. Il fratello Dawn diventa ossessionato da lei, tanto che in seguito lo vediamo costruire un insetto volante robotico in modo che possa guardarla da lontano.

Nel frattempo, Brothers Day e Dusk - che, se stai tenendo traccia, erano i fratelli Dawn e Day durante il primo episodio, che ha avuto luogo circa 35 anni prima dell'azione di questo episodio - sono alla gola l'uno dell'altro, in parte perché un faro di comunicazione vicino Terminus è stato inspiegabilmente distrutto. E tutto risale al morto Hari Seldon, ai suoi avvertimenti e al fatto che ora il fratello Dusk era forse troppo indulgente nel suo governo per esiliare Hari e Gaal, invece di ucciderli a titolo definitivo. (Va notato qui che ora il fratello Day nota che Hari è stato ucciso dal suo protetto, il che implica che la falsa teoria secondo cui Gaal è il suo assassino ha viaggiato in lungo e in largo nel tempo.) Nei momenti conclusivi dell'episodio, le forze del gli imperatori hanno il compito di recarsi a Terminus, per capire cosa è successo con il faro e per visitare gli esiliati sopravvissuti per ricordare loro la forza bruta di Trantor.

Lee Pace dentro

Lee Pace in 'Fondazione'.(Credito immagine: Apple TV+)

Ma i Fratelli non devono preoccuparsi, perché Terminus ha problemi propri. Gli Anacreon, guidati dalla loro Gran Cacciatrice (Kubbra Sait), sono responsabili di aver distrutto quel faro di comunicazione, e sono pronti a fare lo stesso con la città improvvisata dove Salvor, suo padre Abbas (Clarke Peters) e altri fanno il loro a casa, se non possono raggiungere il Vault stesso. Salvor cerca di ottenere alcune informazioni dal leader Anacreon catturato inutilmente, soprattutto perché i suoi compagni sopravvissuti a Terminus considerano Salvor un estraneo tra gli estranei. Ricorda, è l'unica persona finora in grado di toccare il Vault fluttuante, anche quando porta con sé il leader di Anacreon nel Vault, è per metterla fuori combattimento (con successo, va notato). Ma le preoccupazioni di Salvor sono assolutamente corrette, perché quando l'episodio finisce, gli Anacreon hanno le armi pronte, pronte a fare danni sanguinosi.

Ah, ma non è del tutto vero: c'è un'altra breve scena prima della conclusione di Barbarians at the Gate, e chiamarla scena potrebbe essere esagerato. Anche se continuiamo a sentire Gaal raccontare lo spettacolo in momenti sporadici, non è ancora apparsa negli ultimi due episodi, fino alla fine di questo. La vediamo, ancora in una specie di congelamento criogenico nella capsula di salvataggio, fluttuare nello spazio e in procinto di essere catturata da una misteriosa navicella spaziale. Gaal galleggia da decenni? Sembra ancora praticamente la stessa, ma quanto tempo è passato? E chi sta per prenderla?

Barbarians at the Gate è un episodio migliore di quello della scorsa settimana, sia per avere più slancio in avanti sia per insinuare che in realtà non si è dimenticato del nostro primo apparente personaggio principale. Forse la prossima settimana avremo suggerimenti su alcune risposte più tangibili su ciò che è successo a Hari Seldon. Fai attenzione al nome di Jared Harris nei titoli di testa: forse sarà un indizio.