By Erin Holloway

'Fondazione' 1.08 Recensione: Il pezzo mancante

Il nostro verdetto

Mentre questo episodio di 'Foundation' aumenta la posta in gioco emotiva per i suoi protagonisti, l'effetto cumulativo è meno impressionante.

Per

  • - Lee Pace mette in scena un'esibizione accuratamente astuta qui mentre l'interno oscuro di Brother Day viene ulteriormente rivelato
  • - Jared Harris è piacevolmente schivo come sempre
  • - La tensione in tutte e tre le trame è solida senza essere davvero notevole

Contro

  • - È difficile vedere come queste trame si collegheranno tra loro entro la fine della stagione
  • - Per quanto impressionante sembri questo spettacolo, i suoi personaggi rimangono un punto debole
  • - C'è un vuoto nell'attuale cliffhanger che circonda Gaal Dornick

Questo post contiene spoiler per Fondazione . Dai un'occhiata alla nostra ultima recensione qui .

Ogni episodio di Fondazione mi sembra di fare due passi avanti, uno indietro. Questo senso aleggia sull'intero 'The Missing Piece', l'ottavo episodio della prima stagione dello show, in cui tre delle quattro trame principali ottengono il tempo sullo schermo senza la sensazione che ci siano grandi progressi anche verso un finale di una stagione. Se non altro, il fatto che tre delle quattro trame ottengano il tempo sullo schermo qui non fa che esacerbare la netta sensazione che stiamo guardando tre trame molto separate che non sono affatto vicine all'unione. Mentre ci avviciniamo alla fine della prima stagione, Fondazione sembra quasi che sarebbe meglio aver concentrato gli episodi completi su trame separate per creare un omnibus o uno stile antologico o una narrazione.



Pensa agli archi generali di ciascuna delle storie su cui ci concentriamo in questo episodio (gli eventi su Trantor con i fratelli Dawn e Dusk devono aspettare, poiché sono messi da parte). Innanzitutto, c'è la storia con Brother Day (Lee Pace). Mentre la performance di Pace è eccellente come al solito, con un efficace equilibrio tra crudeltà e fascino, ciò che accade a Brother Day in questo episodio stuzzica solo il punto cruciale degli archi narrativi dei cloni. Il fratello Day è attualmente sfidato da Zephyr Halima (T'Nia Miller) come un guscio senz'anima, il prodotto di un esperimento decennale che ha rimosso qualsiasi umanità dall'Impero Cleon. Per dimostrare che si sbagliava, il fratello Day si è impegnato in un guanto di sfida fisico, in cui camminerà attraverso la vasta Spirale. La leggenda narra che chiunque completi questo arduo viaggio sia accolto da una visione profonda che rimodellerà la loro intera visione del mondo. La domanda al centro del viaggio di Brother Day è semplice: sarà in grado di completare il viaggio e avrà una visione e dimostrerà così la sua umanità?

All'inizio, la risposta a entrambe le domande sembra essere un sonoro 'sì'. Sulla prima domanda, non ci sono dubbi: anche se Brother Day finisce con la pelle bruciata dal sole e le labbra screpolate (dovendo attraversare la Spirale in un deserto infuocato), completa la ricerca anche dopo essere stato assistito spiritualmente da un compagno pellegrino. Quando torna per condividere la sua visione con Zephyr Halima e i suoi compagni Zephyr, sembra che sia sincero riguardo a ciò che ha visto nella grotta alla fine della Spirale. Conquista gli Zefiri di Halima e persino Demerzel (Laura Birn), il consigliere robotico di Brother Day che è anche lui un credente.

Una volta che il fratello Day ha completato il suo viaggio e ha dimostrato il suo valore, dà a Demerzel un fiore come segno del suo prossimo lavoro: uccidere Zephyr Halima, cosa che lei fa senza sangue (attraverso il veleno secreto sulla pelle). Demerzel, sebbene sia ancora solo un robot, sembra avere molta più umanità del suo padrone. Negli ultimi momenti di 'The Missing Piece', dice di essere contenta che il fratello Day abbia avuto una visione, perché raggiungere la fine della Spirale e non essere accolta da niente sarebbe un destino peggiore della morte. Ed è più che ovvio dallo sguardo sul volto di Day che la descrizione della sua visione di prima era una bugia completa ed efficace. Non vide nulla alla Spirale, confermando così che la morta Halima aveva ragione: non ha anima.

Una nave dentro

(Credito immagine: Apple TV+)

La trama intrisa di più mistero continua ad essere quella incentrata su Gaal Dornick (Lou Llobell). Dopo essere finita su una misteriosa nave di salvataggio 35 anni dopo essere stata mandata in una capsula di salvataggio criogenica, ha incontrato una versione digitalizzata dell'ormai morto Hari Seldon (Jared Harris), mentre si è resa conto anche che la nave è diretta verso Helicon, il pianeta natale di Hari. . In questo episodio, Gaal scopre il perché dalla sempre enigmatica Hari: sebbene si pensasse che fosse lei a guidare la prima Fondazione sul lontano pianeta Terminus, Hari stesso aveva una sorta di piano di riserva. Sì, dovrebbe esserci una seconda Fondazione su Helicon, così segreta che gli abitanti di Terminus non dovrebbero essere consapevoli della sua esistenza.

La capacità di Gaal di vedere brevemente nel futuro è in qualche modo elusa qui, perché è comprensibilmente più preoccupata del motivo per cui la seconda Fondazione deve esistere e, soprattutto, perché deve essere tenuta segreta a tutti gli altri. Hari, anche in forma digitalizzata, si rifiuta di condividere ulteriori dettagli della seconda Fondazione. E così Gaal decide di smascherare il suo bluff, avendo una specie di violento capriccio d'ira e distruggendo molti dei sistemi di protezione della nave. Dà ad Hari solo un paio di scelte: o può chiarire la seconda Fondazione o Gaal salterà su un'altra capsula di salvataggio criogenica e tornerà al suo pianeta natale. Anche se Hari fa notare che potrebbe riprogrammare il pod per andare dove vuole, sembra lasciare che Gaal vada ulteriormente nel bluff. Stabilisce la destinazione per il suo pianeta natale, nonostante il fatto che sarà in crio-stato per più di 100 anni.

Ci sono solo due episodi rimasti nella prima stagione dello show, quindi c'è ogni speranza che questo non sia l'ultimo che abbiamo visto di Gaal e Hari. Perché se è qui che finisce la storia (almeno per ora) per Gaal, è molto deludente. Anche se abbiamo già ottenuto chiarezza sul motivo per cui Hari è morto e perché suo figlio adottivo è stato l'unico a compiere l'atto, c'è la sensazione esasperante che abbiamo appena avuto modo di sapere chi è Gaal. È la narratrice dello spettacolo e il suo viaggio è sembrato l'arco centrale della premiere di due episodi. Da quel momento, la performance di Llobell si è sentita alla deriva come lo è la stessa Gaal. Incrociamo le dita, c'è altro da sapere su Gaal nelle ultime due puntate.

Leah Harvey e Kubbra Sait entrano

Leah Harvey e Kubbra Sait in 'Fondazione'(Credito immagine: Apple TV+)

C'è, ovviamente, una trama importante da discutere, ed è quella incentrata su Salvor Hardin (Leah Harvey), il Guardiano di Terminus. La spinta principale di questo lato delle cose è una scadenza ticchettante: c'è ancora così tanto tempo prima che l'Invictus, la nave fantasma precedentemente pensata svanita, faccia un salto nello spazio in parti sconosciute. Phara (Kubbra Sait), il leader degli Anacreon che costrinse Salvor a lasciare Terminus, desidera disperatamente usare l'Invictus come una specie di enorme nave bomba suicida, destinata a distruggere Trantor dall'esterno verso l'interno.

Durante l'episodio, mentre Salvor cerca di convincere Phara - che vediamo per la prima volta in un breve flashback da bambina, radicalizzata quando il suo pianeta viene attaccato senza una buona ragione - a deporre le braccia e cambiare i suoi piani, è chiaro che un percorso di la pace è impossibile. La nave è stata localizzata da membri vagabondi del pianeta Thespis, ma soprattutto, Phara è ferma e testarda nel suo rifiuto di cambiare idea. La risoluzione della trama, per ora, prevede che il compagno di Terminus di Salvor, Lewis (Elliott Cowan), venga fucilato per aver cercato di aiutare Salvor a cambiare la rotta della nave. E poi la nave stessa raggiunge il suo conto alla rovescia finale e fa il salto nello spazio.

Presumibilmente scopriremo presto la risposta a questa domanda, ma ecco il problema principale con Fondazione finora: tutte queste trame apparentemente non hanno nulla a che fare l'una con l'altra. I fratelli Dawn, Day e Dusk si trovano nei loro piccoli mondi separati, il che può sembrare logico comunicare il loro status di nobile/alto clonato in quanto così lontani dalla vita delle persone che pretendono di governare. Ma le storie con Salvor e Gaal sembrano similmente distanti l'una dall'altra. Onestamente stavo aspettando di vedere la capsula di salvataggio di Gaal e l'Invictus scontrarsi prima che l'episodio finisse. Forse accadrà la prossima settimana?

Non è che le esibizioni qui siano pessime e i valori di produzione dello spettacolo rimangono notevoli. Ma è difficile vedere dove Fondazione sta andando. E proprio come la stessa Gaal Dornick di fronte allo spettrale Hari Seldon, simile al gatto del Cheshire, mi sto stancando di non conoscere la fine del gioco.