By Erin Holloway

Recensione 'The Father': cosa fai quando la realtà crolla?

Il nostro verdetto

'Il Padre' dimostra facilmente che, se qualcuno di noi si perde a causa della demenza, possiamo diventare i gusci devastati dal tempo delle nostre precedenti personalità

Per

  • ️Anthony Hopkins e Olivia Colman stanno offrendo le migliori prestazioni della carriera.
  • ️Il montaggio e la scenografia enfatizzano un'orribile realtà fatiscente.
  • ️Questa è una sceneggiatura commovente.

Contro

  • ️La natura non lineare del film può essere un po' disorientante, anche se è chiaramente apposta.

Il padre è attualmente disponibile solo per la visione nei cinema (a partire dal 26 febbraio 2021). Dovuto al COVID-19 pandemia, ti consigliamo di verificarlo presso il tuo drive-in locale. Se uno non è disponibile, assicurati di controllare le linee guida statali e CDC prima di guardare in uno spazio chiuso.

È sempre interessante vedere come film diversi sceglieranno di affrontare argomenti simili in modi completamente diversi, soprattutto quando due film arrivano relativamente vicini l'uno all'altro ma sono dispiaciuti dall'affermazione che dovrebbero essere confrontati. Benchè Il padre e Supernova entrambi esplorano le tragiche conseguenze della demenza, Supernova è molto più concentrato su quel dramma esterno, sull'impatto della diagnosi sulle relazioni che si hanno e sulle prospettive future di quelle relazioni. Il padre , nel frattempo, è un film molto più interno, molto più stilisticamente simile a quello di Charlie Kaufman Sto pensando di porre fine alle cose che la tragedia romantica di Supernova . E proprio come il film di Kaufman, Il padre sta capitalizzando i punti di forza unici del film come mezzo per catturare la prospettiva di una mente sull'orlo del collasso, anche se in modo meno idiosincratico.



Il padre titolare è Anthony (interpretato da Anthony Hopkins), un ottantenne che vive con sua figlia Anne (Olivia Colman) nel suo appartamento mentre insiste sul fatto che lo spazio è, ed è sempre stato, suo. Anne lotta per prendersi cura del padre costantemente confuso e cerca di assumere un'infermiera che si prenda cura di lui mentre è al lavoro. Tuttavia, con l'aumentare della pressione per prendersi cura di suo padre, lo spettro del trasferimento di suo padre in una struttura di cura incombe sulle loro vite con inevitabile.

La premessa è semplice, ma il diavolo è nei dettagli. Nessuna di queste informazioni viene presentata con semplice efficienza, invece girovagando dal punto di vista di Anthony mentre mettiamo insieme una parvenza di realtà che lui è incapace di comprendere. Come allude alla sua incessante ricerca dell'orologio scomparso, il tempo sta perdendo tempo per Anthony, con scene che si spostano mentre gira un angolo senza che lui se ne accorga, con dialoghi che si ripetono e si remixano in contesti nuovi o ridondanti, con personaggi che si scambiano attori per rappresentano la crescente incapacità di Anthony di riconoscere i volti familiari familiari, soprattutto mentre riflette sulla sua figlia prediletta assente, la sorella di Anne.

Questo è messo insieme attraverso un montaggio assolutamente superbo, passando da una scena all'altra e in schemi circolari per enfatizzare l'orribile ripetizione di una vita senza continuità. Che si tratti del matrimonio in difficoltà di Anne con suo marito Paul (interpretato alternativamente da Mark Gatiss e Rufus Sewell), dell'abuso sull'anziano che Anthony subisce per mano di Paul, o del rapporto caldo e freddo di Anthony con la sua nuova custode Laura (Imogen Poots), Il padre trattiene consapevolmente e maliziosamente la risoluzione della scena a favore del disorientamento, aiutato agilmente da una scenografia sottilmente mutevole che trasforma l'appartamento in modi allo stesso tempo familiari e estranei, modi che fondono la fantasia con la presunta realtà.

Ovviamente, Hopkins attirerà la massima attenzione per la sua performance da protagonista, ed è giustamente meritato. Anthony è un uomo orgoglioso e indipendente che non riesce a capire perché sua figlia cerca di intrappolarlo nella vita domestica, e il suo umore selvaggio cambia da affabile a irascibile cospirazione, un uomo che cade a pezzi mentre il nucleo stesso della sua identità viene strappato via. Tuttavia, per quanto Hopkins meriti i riflettori per i riconoscimenti, Colman è altrettanto avvincente nel suo ruolo di figlia in difficoltà. Sebbene il film rimanga principalmente nel punto di vista di Anthony, i pochi momenti in cui si discosta dalla prospettiva di Anne mettono in evidenza un fatto orribilmente trascurato: la ridondanza e la ripetizione della vita di un paziente con demenza, a loro volta, renderanno la vita del tutore primario altrettanto ciclica e disorientante. È una situazione in cui nessuno esce sentendosi eroico o soddisfatto. Invece, c'è solo l'attesa che la vita riprenda.

Gli spettatori possono essere tentati di risolvere la continuità di Il padre , per mettere insieme una sequenza temporale definitiva degli eventi che accresce progressivamente l'allontanamento di Anthony dall'individualità, ma direi che così facendo non si riesce a cogliere il punto. Le macchinazioni circolari della trama sono volutamente ottuse, dimostrando che la realtà è semplicemente la nostra percezione e che il degrado delle nostre menti è il degrado della logica, della causa e dell'effetto. Questa è un'esperienza straziante che merita di essere meditata per il suo inevitabile terrore, la cupa verità che chiunque di noi potrebbe rimanere intrappolato nella propria esistenza fatiscente. Il padre dimostra facilmente che, se qualcuno di noi dovesse perdersi nella demenza, possiamo diventare i gusci devastati dal tempo delle nostre precedenti personalità e, sebbene non inquadrato come un film dell'orrore, la sua prospettiva di riflessione è più orribile di qualsiasi mostruosità.

Il padre uscirà nelle sale il 26 febbraio 2021.

Articoli Interessanti