By Erin Holloway

Recensione 'Encanto': una guida della pecora nera all'armonia familiare

Il nostro verdetto

'Encanto' è un film estremamente affascinante, profondamente perspicace sui paradossi dell'entanglement familiare pur rimanendo riconoscibile per un pubblico di tutte le età.

Per

  • - Narrazione estremamente densa che non si impantana nei dettagli
  • - Molto divertente, ma ciò non toglie nulla alle sue profonde intuizioni sulle dinamiche familiari
  • - Gli animatori stanno andando all in, e si vede

Contro

  • - Stranamente, la musica di Lin-Manuel Miranda è l'anello debole

Non per metterlo troppo fine, ma come critico bianco e non ispanico, ci saranno inevitabilmente dei limiti al mio punto di vista su Fascino , l'ultimo film musicale d'animazione della Disney che tratta specificamente del patrimonio e della cultura colombiana. Non ho idea dell'accuratezza o della complessità dell'estetica del film oltre a dire che il film ha un bell'aspetto con un'apparente attenzione ai dettagli che è stata il marchio di fabbrica delle più recenti incursioni della Walt Disney Company nel multiculturalismo.

Tuttavia, ciò a cui posso parlare è il senso che Fascino è una delle voci più audaci dal punto di vista tematico nel moderno canone Disney, che sfida attivamente il pubblico a esaminare le proprie dinamiche familiari sotto le spoglie di un tipico musical familiare. Definirlo sovversivo è probabilmente un passo troppo avanti, ma i messaggi sottostanti sullo scopo dei legami familiari servono come una lezione preziosa per coloro che apprezzano l'apparenza di coesione rispetto al benessere dei propri cari.



Nonostante come potrebbe rappresentare il marketing del film Fascino , non è particolarmente interessato al viaggio standard dell'eroe di azione e avventura, concentrandosi invece su un villaggio remoto in cui la magica famiglia Madrigal agisce come protettrice di una comunità fondata dai rifugiati. Benedetti da un miracolo incarnato nella fiamma eterna della candela e nella loro casa vivente personificata, Casita, i madrigali sono stati magicamente dotati di un dono superpotente, che usano per provvedere alla loro comunità e elevare la loro famiglia a una maggiore stima al suo interno.

L'eccezione è Mirabel (Stephanie Beatriz), che è stata rifiutata dalla magia durante la sua cerimonia di maturità e si è riconciliata con lo status di pecora nera permanente. Tuttavia, proprio mentre al cugino minore Antonio (Ravi-Cabot Conyers) viene concessa la sua abilità speciale, Mirabel è l'unica a vedere che Casita sta sviluppando orribili crepe, un araldo della magia calante della famiglia.

La ricerca di Mirabel per scoprire il segreto della magia della sua famiglia è in gran parte domestica, una spedizione nei cuori delle sue sorelle (Diane Guerrero e Jessica Darrow), della zia (Carolina Gaitán), dello zio (John Leguizamo) e della nonna (María Cecilia Botero). per scavare più in profondità delle loro capacità uniche e per capire i legami che li legano insieme, così come i conflitti che minacciano di dividerli. La pressione sulla sorella di Mirabel, Luisa, a spingersi costantemente a usare più della sua super forza, ad esempio, le impedisce di avere la vulnerabilità per i momenti di rilassata debolezza.

La sua non è affatto una situazione unica all'interno della famiglia Madrigal, e la prospettiva offerta dal non magico Mirabel è più spesso accolta con derisione che con comprensione, unita all'affermazione egoistica che Mirabel è speciale come chiunque di loro senza l'effettiva convinzione di vedere che lei contribuisce alla famiglia tanto quanto chiunque altro.

Questo pone le basi per un esame affascinante, divertente, ma non meno toccante di cosa significhi essere un emarginato all'interno di una struttura familiare, in cui l'amore dovrebbe essere incondizionato ma è spesso dominato dall'ego individuale e dalla propria storia e dai propri traumi. Fascino gestisce un equilibrio molto attento tra l'umanizzazione del suo vasto cast di parenti del Madrigal e il racconto di una storia significativa dalla loro tradizione interconnessa, il che rende il film straordinariamente denso di circa 100 minuti ma non si sente mai affrettato o travolgente nel frenetico racconto.

L'unica spada a doppio taglio per l'esperienza è, stranamente, il contributo musicale di Lin-Manuel Miranda. A loro merito, le canzoni sono estremamente efficaci nel comunicare ampie informazioni espositive al pubblico in modo comprensibile ed energico. Questi sono anche i segmenti che hanno permesso ai trailer del film di fornire l'illusione di una narrativa di azione e avventura, poiché gli animatori spesso si affidano all'astrazione e alla metafora per letteralizzare il testo di una canzone in modi che consentano loro di essere più creativi di quanto l'ambientazione rustica potrebbe altrimenti permettere.

Tuttavia, questo crea uno strano scollamento tra la musica e la narrativa, al punto che le canzoni sono quasi invadenti nonostante la loro efficiente utilità narrativa, e di certo non aiuta il fatto che non ci sia davvero un botto nel gruppo. Gli schemi di rime delle parole pronunciate, marchio di fabbrica di Miranda, potrebbero essere utili per ottenere informazioni vitali sulla trama, ma la musica è troppo o troppo arrangiata al punto che dopo un po' diventa solo un rumore piacevole, piuttosto che qualcosa da ascoltare a sé stante Giusto.

Comunque, Fascino è un film estremamente affascinante, profondamente perspicace sui paradossi dell'entanglement familiare pur rimanendo riconoscibile per un pubblico di tutte le età. Il tuo divertimento è probabilmente limitato solo dal tuo gusto per il particolare marchio Disney di amicizia con la famiglia, ma anche allora potresti essere sorpreso da quanto sia disposto il film a decostruire l'apparente armonia dell'unità familiare. Forse potrebbe anche suscitare un po' di introspezione da parte dei propri cari durante le festività natalizie, e questo potrebbe essere appena sufficiente per superare qualsiasi cinismo.

Fascino ora sta suonando nelle sale cinematografiche.