By Erin Holloway

La star di Coronation Street: 'Non lascio che i miei figli mi guardino come il malvagio Geoff'

Geoff di via dell

(Credito immagine: Andrew Boyce)

'Non vogliono vedere qualcuno che assomiglia a papà, essendo orribile'

L'attore di Coronation Street Ian Bartholomew, che interpreta il marito violento Geoff Metcalfe, ha rivelato di non permettere ai suoi figli di guardare la soap opera quando il suo personaggio è orribile con la moglie sullo schermo Yasmeen.



Il DJ e mago della radio dell'ospedale Geoff ha manipolato e controllato Yasmeen nell'ultimo anno, dettando dove va, chi vede, quanto spende e persino cosa mangia. I suoi atti spregevoli hanno incluso rinchiudere Yasmeen nella sua scatola da mago e uccidere il suo pollo domestico, che poi le ha dato da mangiare per cena.

Spoiler di Coronation Street: Geoff Metcalfe colpisce Yasmeen dove fa male

Geoff ha ucciso e cucinato l'amato pollo di Yasmeen, Charlotte Bronte

Dice il 65enne Bartholomew, che ha due figli in età scolare con la moglie del regista teatrale Loveday Ingram: I miei figli mi hanno visto in un sacco di altre cose. Ho fatto un sacco di musical, spettacoli e spettacoli teatrali a Manchester, Liverpool e Londra. Hanno iniziato a guardare Coronation Street e quando papà ha iniziato a diventare cattivo, hanno detto 'No, non posso guardarlo ora, papà' e lo capisco perfettamente.

Se vogliono guardarlo, dirò 'Puoi guardare questo episodio perché questo va bene, ma non voglio che tu guardi quell'episodio, perché papà non è molto gentile'. Sanno che non è proprio papà, ma non vogliono vedere qualcuno che assomiglia a papà, essere orribile.'

L'attore, che si è unito al cast di Coronation Street nel 2018, aggiunge che il controllo coercitivo di Yas da parte del suo personaggio lo ha spinto a chiedersi come interagisce con la sua stessa famiglia.

Devo dire che mi ha fatto dubitare del mio comportamento. Deve, dice Ian. Mi dico: 'Posso essere un po' così'.

Non sto dicendo che vado agli estremi come fa Geoff, ma posso dire 'Non usare quella padella, usa questa padella, è molto meglio' e poi pensi 'Ma non è una mia scelta'. Oppure: 'Potresti riordinare la tua camera da letto, perché è orribile!' e i bambini dicono 'È la mia stanza, posso fare quello che mi piace, no?' e ​​io: 'No, chiariscilo!'

'Ci sono confini e confini, ma quando li attraversi e cerchi di controllare il comportamento di qualcun altro, è allora che inizia a diventare un po' incasinato, e devi stare attento a questo.

Ho messo in dubbio alcuni dei miei comportamenti passati e alcuni dei miei comportamenti nei confronti della mia famiglia, e questa può essere solo una buona cosa.