By Erin Holloway

Recensione 'The Canyonlands': McGee di Umphrey ha segnato uno slasher dimenticabile

Il nostro verdetto

'The Canyonlands' vende un'ambientazione slasher idilliaca ma non riesce a eseguire gli elementi slasher più elementari, dai personaggi stupidi alle sequenze di uccisioni abissali.

Per

  • ️ I location scout fanno il loro lavoro.
  • ℹ Qualità cinematografica del National Geographic.

Contro

  • ️ Gore animato notevolmente poco brillante.
  • ️ Personaggi con a malapena una sola dimensione.
  • ️ La velocità più lenta dell'orrore.
  • ️Un cattivo senza presenza.

In Le Canyonlands , lo scrittore e regista Brendan Devane sa come mettere in luce la stella splendente del film. Sfortunatamente, il suddetto ladro dello spettacolo di Devane è la catena del canyon dello Utah ambientata a Moab che fa da sfondo a un altro slasher perso nel deserto. Il direttore della fotografia Alex Cantatore guadagna ogni centesimo del suo stipendio guidando gli spettatori in un'escursione illuminata dal sole lungo fiumi sudici di rafting, attraverso altipiani rocciosi erosi dalle intemperie e sotto cieli stellati, ma questa non è propaganda turistica. Le Canyonlands è uno slasher che tenta di ricordare i massacri dei nativi americani per mano insanguinati dei minatori bianchi; non è solo molto efficace sui meriti del sottogenere più bassi.

La vita all'aria aperta dello Utah è una cosa di bellezza naturale, ma per l'avventuriera Linda (Stephanie Barkley), un tratto di terreno è perseguitato da una tragedia, dove tornerà per il suo ultimo tour di rafting. Gli obblighi professionali costringono Linda a una posizione di capitano per cinque fortunati vincitori del concorso che guadagnano un'esperienza notturna gratuita. Il problema è che qualcos'altro chiama Linda nello stesso punto in cui uno dei suoi motociclisti è stato ferito una volta. Ancora peggio, i pericoli presenti diventano mortali quando un passeggero influencer muore vicino al fuoco con una ferita al collo aperta. Un altro caso di sfortuna peggiorato? O Linda è legata a un potere più grande che non si fermerà finché la punizione, per qualunque cosa, non sarà raggiunta?



La sceneggiatura di Devane non nasconde influenze soprannaturali, a cominciare dai primi flashback di una donna indigena ferita e un capo accigliato, che suggeriscono entrambe tragiche radici storiche. Quindi, intravediamo il minaccioso cattivo del film (Marqus Bobesich). Dietro ciocche di capelli filamentose e unte c'è una faccia bianca arruffata, pallida con attributi spettrali, attaccata a questa figura di minatore come Harry Warden dell'era degli anni '49 meno imposizione o ferocia. Noto spesso che l'orrore non è mai migliore di quando la rappresentazione culturale e il contesto storico si intersecano, ma Le Canyonlands non trova mai la sua voce potente come commento contro gli invasori bianchi che rubano la terra stanziata grazie all'avidità della corsa all'oro. I messaggi non sono confusi, ma la dipendenza della sceneggiatura da tropi e caricature è laboriosa in cima a progetti di storie che si annodano in un monologo finale.

Per la maggior parte di questi stereotipi di personaggi troppo lunghi, pedinati e inseguiti, fuggono da un cercatore che è minaccioso quanto un ubriacone del selvaggio West. C'è l'apprendista-donna-slash MMA (Jesse Buck-Brennan), la cui persistente oggettivazione sessuale di una scalatrice lesbica (Ari Anderson) diventa un paralizzante attacco di una nota contro il machismo incontrollato. Il nerd residente Kyle (Dennis Connors) è vittima di bullismo come il prototipo di occhiali e inalatore che dovrebbe sfruttare, e la modella di social media Sarah (Lauren Capkanis) ci ricorda continuamente che fa i suoi soldi pubblicando selfie indulgenti online. Poi c'è Dave (Sheldon D. Brown), l'entusiasta dell'erba del Colorado che trascorre l'intero film fumando erba, parlando di erba o portando l'erba nella conversazione. Le esibizioni sono sfortunate quanto le personalità tracciate per numero che definiscono troppi slasher dimenticati, poiché lo sviluppo non supera mai il valore superficiale.

Abbastanza stranamente, Le Canyonlands è più appetibile prima che si presentino pericoli taglienti. Un bellissimo ritratto di scogliere stratificate con sfumature bruciate dal sole cade sotto l'ottusità monocromatica della notte mentre i personaggi si aggirano, ruzzolano o sfrecciano in cerchio. La morte preda i seguaci di Linda, ma la scelta di Devane di optare quasi esclusivamente per il sangue animato è un grave errore di calcolo. Pugnalate con picconi, teste sfondate, dai il nome alla violenza sullo schermo che viene sminuita mentre schizzi di sangue digitale a un ritmo inescusabile o attori vendono ridicolmente quelle che dovrebbero essere morti nodose a livelli appena rimossi Birdemic: shock e terrore . Poiché i film dell'orrore sono diventati iconici sulla base di effetti pratici che trasudano l'adorazione del genere, non importa quanto schlocky, la notorietà della CGI, questo non lucidato fraintende negativamente ciò che il pubblico dell'orrore perdonerà e non perdonerà.

Le Canyonlands guadagna il suo intrigo come quel film di massacro indie segnato da McGee di Umphrey, ed è così che verrà commemorato. La celebre jam-band dell'Indiana porta twang, tensione (irrecuperabile) e coraggiosi ritmi pionieristici in un film altrimenti indifferente, prevedibile e degno di nota solo per eredità di location regionali. Ridondanza slasher semplicistica senza standard portano a un culmine eccessivamente complicato che riempie l'esposizione mistica e le spiegazioni del debito di sangue tra lo scambio di anime che confonde i personaggi presenti e il pubblico che assiste allo stesso modo. Brendan Devane guadagna punti per aver affrontato temi americani che portano alla luce un passato deplorevole, ma qualsiasi intrigo da minatore impazzito sfugge più rapidamente di quanto si spera da incubo una volta che qualche scusa da negozio di dollari per un cattivo pioniere ripristina le nostre aspettative.

Le Canyonlands sarà disponibile su VOD il 5 marzo 2021.

Le migliori offerte di Amazon Prime Instant Video di oggi Amazon Prime Amazon Prime Video - Prova gratuita Visualizzazione Amazon Prime Amazon Prime - Annuale $ 119/anno Visualizzazione Amazon Prime Amazon Prime - Mensile $ 12,99/mese Visualizzazione

Articoli Interessanti