By Erin Holloway

Recensione di 'Being the Ricardos': Nicole Kidman guida il miglior ensemble nel film biografico 'I Love Lucy'.

Il nostro verdetto

'Essere i Ricardos' è efficace quanto lo è perché ha un insieme killer e sa come utilizzarli.

Per

  • - Questo è un insieme assassino, su tutta la linea
  • - Nicole Kidman si sta guadagnando la considerazione come migliore attrice
  • - Quando Sorkin è in modalità dramma sul posto di lavoro, la sceneggiatura brilla

Contro

  • - Il dispositivo di inquadratura del flashback è incoerente e stridente
  • - Nonostante abbia fatto una buona prestazione, Javier Bardem è sbagliato

Dì quello che vuoi di Aaron Sorkin - e io ho avuto la mia parte critiche allo scrittore-regista — ma l'uomo sa come raccontare una storia avvincente di un ambiente di lavoro frenetico e ad alta pressione (vedi L'ala ovest , La redazione ). È quando attingere a quello ala ovest intuizione che Essere i Ricardo è nella sua forma più compiuta, evidenziando l'immensa pressione creativa e commerciale esercitata su Lucille Ball e Desi Arnaz per tradurre le disavventure del matrimonio nell'iconica sitcom di mezz'ora, Amo Lucia , ogni singola settimana. Ma quando il film cerca di immergersi in un approccio più olistico alla storia della vita di Lucille Ball, viene a mancare.

Principalmente, il film mette in evidenza la produzione di Amo Lucia durante una settimana particolarmente frenetica, una scelta appropriata per racchiudere ciò che ha reso la produzione di questo spettacolo così speciale e volatile. Lucille (Nicole Kidman) è assalita dalla minaccia incombente della notizia che è stata indagata dall'FBI per presunti collegamenti con il comunismo. Desi (Javier Bardem, interpretato male ma che continua a recitare in una lodevole performance nonostante i suoi accenti contrastanti) lotta con sentimenti di inadeguatezza nascosta mentre Lucille cerca di ottenergli un riconoscimento sufficiente, anche se la spinta creativa di Lucille è ciò che rende lo spettacolo eccezionale.



Altrove, la coppia si scontra con i capi dello studio sulla gravidanza di Lucille e sullo scandalo di aver mostrato una donna incinta in televisione. La co-protagonista Vivian Vance (Nina Arianda) fatica a rendersi conto che farà sempre il secondo violino di Lucille, mentre suo marito di scena William Frawley (J.K. Simmons, discretamente magistrale come sempre) fornisce la prospettiva di un vecchio, anche se ubriaco, professionista. Nel frattempo, il produttore esecutivo (Tony Hale) e la stanza degli sceneggiatori (Alia Shawkat e Jake Lacy) lottano per incorporare le continue modifiche di Lucille nelle loro sceneggiature in via di sviluppo.

Tutto questo è presentato con il frenetico frenetico che ci si aspetta da Sorkin al top della forma. Anche se per fortuna devia dalla sua propensione per lo spirito a fuoco rapido che può essere troppo intelligente per il suo bene, basandosi invece su alcune buone battute di risata per alleviare la tensione sia nell'universo che per il pubblico.

Tuttavia, quella magia viene stranamente interrotta quando il film decide irriverentemente di rompere le presunzioni della sua struttura narrativa per mettere in scena scorci più convenzionali sulla celebrità nascente di Lucille e sul matrimonio conflittuale con Desi. Queste presunte scene significative sono goffamente calzate.

La trama del posto di lavoro spesso si interrompe bruscamente in questi casi. Tagliando via le personificazioni della testa parlante dello staff di sceneggiatori (John Rubinstein, Ronny Cox e Linda Lavin), queste fungono da contesto da finto documentario per scene di flashback che hanno poco a che fare con le scene che interrompono. È molto imbarazzante e ridondante: dimostrazioni della spinta, dell'etica, della vulnerabilità e dell'astuzia di Lucille Ball che sono già in piena mostra nel dramma principale sul posto di lavoro.

Tuttavia, queste sequenze consentono alla Kidman di esplorare il personaggio di Lucille con i riflettori puntati proprio su di lei. Fa un ottimo lavoro nell'evidenziare la genialità comica fisica dell'attrice mentre enfatizza l'enorme quantità di intelligenza cruda e astuzia che aveva come interprete autodidatta.

La palla di Lucille di Essere i Ricardo è un individuo incredibilmente solitario, combattuto tra il suo slancio professionale, il suo amore per suo marito, il loro rapporto di lavoro occasionalmente difficile, la necessità di mantenere un fronte unito contro le forze creativamente corruttive e il desiderio di sentirsi semplicemente a casa ovunque che non sia la fantasia di una sala da pranzo del palcoscenico. Se c'è un motivo fondamentale per guardare Essere i Ricardo , è la performance di Kidman, perché ti farà credere che sia Lucille Ball, nonostante manchi di molte somiglianze.

Essere i Ricardo è buono solo quanto il suo cast assassino e il film sa come utilizzarli, dipingendo un ritratto del pensiero serio e della politica interna che sono alla base della sitcom di maggior successo di tutti i tempi. È scattante senza essere carino, divertente senza esserne troppo consapevole, drammatico mostrando le motivazioni autentiche dei suoi personaggi, piuttosto che la messa in scena artificiosa di una diva difficile. La Kidman è la star dello show, ma c'è una solida base di performance a cui lei reagisce e che reagiscono a lei.

Se solo Essere i Ricardo era più fiducioso nel suo cast di supporto, potrebbe non aver bisogno di vendere troppo la Kidman per una nomination come migliore attrice. Purtroppo l'attenzione per inseguire la gloria dei premi per la sua attrice protagonista indebolisce un film altrimenti buono.

Essere i Ricardo uscirà nelle sale il 10 dicembre e sarà disponibile per lo streaming su Amazon Prime Video il 21 dicembre.