By Erin Holloway

Recensione 'The 355': Spio con il mio piccolo occhio pochi brividi e femminismo fragile

Il nostro verdetto

Azione, sì. Emozioni, no. Questo gruppo di spie senz'anima delude le formidabili donne al suo timone

Per

  • - Un cast femminile all-star con un appeal globale per l'avvio
  • - Apprezziamo che sia una presunzione originale, non semplicemente una riscrittura invertita di genere di un tentpole già esistente

Contro

  • - Le sequenze d'azione sono spesso sciatte, con gli stuntman chiaramente visibili e il cast principale apparentemente insicuro
  • - Qualsiasi parvenza di vera e propria emancipazione femminile viene abbandonata per la go girl di livello superficiale! femminismo

James Bond non ha a che fare con la vita reale, scherza Jessica Chastain fino a tardi Il 355 , un thriller d'azione guidato da donne che prende il nome dall'Agente 355, il nome in codice storico di una famosa spia femminile durante la Guerra d'indipendenza americana. Ma nonostante l'ombra 007 sia stata lanciata e l'ispirazione storica dietro il suo titolo, c'è pochissima vita da trovare in questo snoozefest di spionaggio.

Chastain interpreta il Mason Mace Browne, di nome senza arte, un agente della CIA che diventa canaglia quando un'unità dati apparentemente senza fine viene intercettata durante una rapina al cartello e colpisce il mercato nero. Per intercettare l'arma informatica prima che cada ulteriormente nelle mani sbagliate, raduna la squadra di rapinatori meno appariscente che il grande schermo abbia mai visto da allora Ocean's 8 : un mix di amici (Khadijah di Lupita N'yongo, ex esperta di cyber intelligence dell'MI6), rivali (un agente tedesco del BND interpretato da Diane Kruger, l'unica che riesce a fare acrobazie a scatti) e neofiti (Penélope Cruz nei panni di una psicologa colombiana , la cosa più vicina al film comico).



Niente onora l'omonimo segreto del film - la donna invisibile che non è mai stata nominata - proprio come un branco di clienti abituali di pubblicità di profumi straordinariamente sbalorditivi. Il glamour abbagliante degli attori significa che gli spettatori sono trattati con i soliti dirottamenti che ora ci si aspetta dai film d'azione incentrati sulle donne: telecamere high-tech nascoste in gioielli di fascia alta, appuntamento a eventi da cravatta per mostrare il nostro quartetto in abiti firmati che scremano il pavimento e scena dopo scena non plausibile di agenti professionisti che corrono dietro a cattivi con stivali col tacco alto.

Scritto dalla drammaturga Theresa Rebeck e dal regista Simon Kinberg ( Fenice Oscura ), Il 355 La sceneggiatura non lascia mai che il suo cast stellato si dedichi a nessuna delle sfaccettature, della commedia o del carisma di agenti segreti che piacciono alla folla come Spiare o anche Il signor e la signora Smith , scritto anche da Kinberg. Né fornisce a tali capaci attori (tra cui due vincitori di Oscar) dei veri e propri retroscena da masticare, nonostante le menzioni usa e getta di bambini amati, partner romantici e problemi di papà che li aspettano a casa.

Chastain, che ha prodotto il film per la sua società di produzione Freckle Films, ha inizialmente proposto a Kinberg l'idea di un film di spionaggio guidato da donne durante le riprese Fenice Oscura . Ma nonostante ciò Il 355 supera tecnicamente il test di Bechdel (criteri per misurare la rappresentazione femminile in un'opera, cioè ci sono almeno due donne che parlano di qualcosa Altro di un uomo?), opera nello spumeggiante femminismo rah-rah di uno spot pubblicitario di shampoo, schiumato da una mancanza di distinzione o profondità per le stesse donne di cui si vanta così rumorosamente. (Siamo tutti diversi, parliamo in modo diverso, ma siamo uguali, dichiara un personaggio, come se fosse una buona cosa.)

Come le sue numerose ambientazioni giramondo - alcuni mercati di Marrakech qui, i grattacieli di Shanghai là - le donne di Il 355 sono una collezione di souvenir internazionali, una banda di potere femminile costruita su cameratismo fabbricato e copia di marketing. Sotto le spoglie dell'uguaglianza, la fazione maschile del cast, guidata da Sebastian Stan nei panni del collega di Mace alla CIA ed ex interesse amoroso, allo stesso modo non ha molto con cui litigare, per lo più relegata in dimenticabili sequenze d'azione traballanti.

Il mondo ha bisogno di un altro film di spionaggio? È discutibile. Ma saremmo felici di vederne uno con questo calibro di un cast femminile - e con femminilità, vero la femminilità al centro - se solo la profondità del loro talento non fosse tradita dalla superficialità che li circonda.

Il 355 debutterà nelle sale il 7 gennaio e sarà trasmesso in streaming Pavone 45 giorni dopo la sua uscita nelle sale. Vedi il nostro Nuovi film guida per altri film in uscita presto.

Articoli Interessanti